Il tè verde non è sempre stato la mia prima scelta quando si trattava di tè, ma ora che ne so di più sugli incredibili benefici per la salute del tè verde è una delle mie alternative di caffè preferite.

Questa tisana benefica per la salute è stata utilizzata da varie culture in tutto il mondo per migliaia di anni e ora la ricerca conferma che può aiutare a combattere alcuni tumori, promuovere un peso sano, supportare la funzione cerebrale e altro ancora.

Quindi sì, il tè verde è salutare come si dice! Continua a leggere per scoprire perché.

Benefici per la salute del tè verde

Il tè verde è ottenuto dalle foglie non fermentate di Camellia sinensis pianta del tè. Poiché non è fermentato come i tè neri, ha una maggiore concentrazione di antiossidanti (chiamati polifenoli). La ricerca suggerisce che questi antiossidanti possono avere un effetto benefico sul corpo neutralizzando i radicali liberi e riducendo l'infiammazione.

Gli effetti del tè verde avvantaggiano il corpo in molti modi. Contiene catechine (in particolare EGCG) che possono aiutare a combattere il cancro, l'obesità, i problemi cardiaci, il diabete e altro ancora. Ha anche una modesta quantità di caffeina, circa la metà di una tazza di caffè, che può favorire l'energia e la veglia.

La teanina è presente anche nel tè verde, un amminoacido che può abbassare la pressione sanguigna e promuovere la funzione ottimale del cervello e del sistema nervoso. La teanina da sola viene spesso assunta per promuovere una mente calma e il tè verde può avere lo stesso effetto.

La vitamina C è un altro nutriente presente nel tè verde noto per il supporto immunitario e per essere un potente antiossidante. Insieme, questi componenti conferiscono al tè verde i suoi notevoli benefici per la salute.

(Scopri di più sui vantaggi completi del tè verde in questo podcast o continua a leggere!)

Questi sono i modi più comprovati dalla ricerca che il tè verde sostiene la salute e il benessere:

Antiossidanti

Il tè verde è una fonte eccezionale di antiossidanti. Il ricco contenuto di antiossidanti rende questo tè leggero benefico per il cervello, il cuore e altri organi. Ricerca dalla rivista Nutrienti nel 2019 spiega che gli antiossidanti possono essere utili per rallentare gli effetti dell'invecchiamento. Può anche aiutare a proteggere il corpo dalle malattie legate ai danni dei radicali liberi (cancro, diabete, artrite e altri).

Il tè verde ottiene questi benefici dalle catechine che contiene, quattro in tutto:

  • Epicatechina
  • Epigallocatechina
  • Epicatechina-3-gallato
  • EGCG

L'EGCG è il componente polifenolico più studiato nel tè verde con le proprietà più attive. Non sono solo ricchi di antiossidanti ma sono anche antimicrobici. Le catechine del tè verde sono un pugno generale contro l'invecchiamento e le malattie, ma devi consumarle regolarmente per ottenere qualsiasi tipo di beneficio.

Cancro

Tutto ciò che può ridurre il rischio o combattere il cancro sarà interessante e il tè verde ha davvero molte proprietà anti-cancro!

Uno studio del 1998 del Giornale giapponese di ricerca sul cancro ha esaminato 472 donne con cancro al seno. Coloro che hanno consumato livelli più elevati di tè sia prima che dopo la diagnosi hanno avuto la diffusione e la crescita più basse del cancro nel corpo. Avevano anche meno probabilità di avere una recidiva dopo il trattamento.

Più di recente, una recensione del 2018 riassume alcuni vantaggi piuttosto strabilianti:

  • Insorgenza ritardata di qualsiasi tipo di cancro nel corso di 10 anni
  • Prevenzione della recidiva del cancro del colon-retto
  • L'EGCG agisce generalmente contro le cellule tumorali e la loro attività nel corpo

Bere regolarmente tè verde può anche ridurre il rischio di cancro al pancreas nelle donne del 32%, rispetto alle donne che non bevono regolarmente tè. Negli uomini, diversi studi hanno dimostrato che bere regolarmente tè verde può ridurre il rischio di cancro alla prostata fino al 70%. Il tè verde è così potente contro il cancro che può persino ridurre il rischio di cancro ai polmoni nelle persone che fumano. (Immagina cosa può fare per le persone che non lo fanno!)

Il tè verde è stato anche associato a un ridotto rischio di cancro esofageo, cancro al fegato e cancro al colon. Per il cancro del colon-retto, il consumo di tè verde solo tre volte a settimana per almeno sei mesi può ridurre il rischio e più tè verde si beve, minore è il rischio.

Una revisione del 2010 in Medicina cinese mostra che il tè verde può anche funzionare per prevenire o ridurre il rischio di cancro all'esofago, alla bocca, allo stomaco, all'intestino tenue, ai reni, al pancreas e alle ghiandole mammarie.

Perdita di peso e obesità

Il tè verde è spesso pubblicizzato come un aiuto per la perdita di peso, ma quanto è legittima questa affermazione? Gli studi mostrano risultati contrastanti. Sebbene non sia un miracolo per la perdita di peso, la meta-analisi di oltre 44 studi diversi mostra che il tè verde può portare a una certa perdita di peso. Il motivo più probabile per la perdita di peso è dovuto alla caffeina nel tè verde, quindi il tè verde decaffeinato potrebbe non avere lo stesso effetto.

Il tè verde può anche portare a un aumento della combustione dei grassi grazie alla maggiore termogenesi. Termogenesi è un termine che significa produzione di calore e maggiore è la produzione di calore che avviene nel corpo, più grasso viene bruciato per produrre energia.

La salute del cuore

Il tè verde brilla anche nell'area della salute del cuore grazie ai flavonoidi che contiene. Bere il tè porta ad una maggiore attività degli enzimi nel corpo che proteggono dalle specie reattive dell'ossigeno. Questo abbassa il livello di ossido nitrico nel plasma sanguigno. Il tè verde aiuta anche a prevenire la formazione di placca nelle arterie, che può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

Per le persone che hanno avuto attacchi di cuore, uno studio su 1.900 persone ha scoperto che il tasso di mortalità era del 44% in meno per le persone che bevevano almeno 2 tazze di tè verde al giorno. I livelli di colesterolo erano implicati come causa scatenante di malattie cardiache. Sebbene il colesterolo da solo non sia responsabile, il colesterolo LDL ossidato porta a potenziali problemi cardiovascolari. Il tè verde aiuta a prevenire l'ossidazione del colesterolo LDL e più ne bevi meglio funziona.

La riduzione del rischio di malattie cardiache non è l'unico vantaggio cardiovascolare derivante dal tè verde. La ricerca sugli animali mostra anche che abbassa l'assorbimento di trigliceridi e colesterolo, aumentando il modo in cui il corpo brucia i grassi.

Naturalmente, il cuore beneficia di una riduzione del peso corporeo e, come abbiamo visto sopra, il tè verde può aiutare a promuovere la perdita di peso.

È anche un bene per la pressione sanguigna, che è una componente importante della salute del cuore. Una meta-analisi di 13 studi randomizzati controllati ha rilevato che il consumo di tè verde porta ad abbassare la pressione sanguigna. È particolarmente efficace per le persone che sono in stadio 1 ipertensione o preipertensione, suggerendo che è meglio prevenire i problemi di pressione sanguigna nel tempo che correggere quelli più gravi.

Per le persone con ipertensione, il tè verde potrebbe essere utile per sostenere la salute. Dovresti sempre parlare con il tuo medico, però, per vedere cosa è giusto per te.

Salute cognitiva e antietà

Grazie a un composto chiamato epigallocatechina gallato, o EGCG, il tè verde può anche essere buono per la mente e per rallentare l'invecchiamento. Questo composto non solo protegge dai danni causati dai raggi UV, ma può anche aiutare a fermare l'invecchiamento della pelle causato dai radicali liberi.

Questo stesso composto lo rende protettivo nei confronti dei neuroni e delle cellule cerebrali. La ricerca iniziale suggerisce che il consumo regolare di tè verde può aiutare a proteggere la mente e ritardare il deterioramento da Alzheimer e Parkinson.

Altri composti nel tè verde, come la L-teanina e la caffeina, possono aiutare a sostenere il cervello e migliorare la vigilanza e la concentrazione. La L-teanina è particolarmente efficace nel migliorare la vigilanza senza aggiungere energia nervosa come la caffeina.

Zucchero nel sangue e diabete

Il diabete di tipo 2 è un disturbo metabolico in cui il tuo corpo non risponde all'insulina ormonale come dovrebbe. L'insulina attira il glucosio (zucchero nel sangue) nelle tue cellule, in modo che i tuoi livelli non siano troppo alti. Ci sono molte cose che possono ridurre il rischio di contrarre il diabete di tipo 2. Il tè verde sembra essere uno di loro!

Una meta-analisi del 2009 di 7 studi ha rilevato una probabilità inferiore del 18% di diabete di tipo 2. Un'altra meta-analisi del 2019 ha rilevato che il tè verde non riduce il rischio di diabete per tutti, ma funziona davvero bene per abbassare i livelli di zucchero nel sangue a digiuno nelle persone di età inferiore ai 55 anni.

Se hai già il diabete, il tè verde non lo farà magicamente andare via. Ma se non lo fai, il tè verde potrebbe aiutare a prevenirlo o aiutare a migliorare i livelli di zucchero nel sangue in modo da non svilupparlo.

Tipi di tè verde

Esistono diversi tipi di tè verde. Può essere sfuso o in bustine di tè, ma indipendentemente dal tipo, a meno che non sia decaffeinato, il contenuto di caffeina è più o meno lo stesso. La maggior parte del tè verde ha circa la metà della caffeina di una tazza di caffè per porzione.

Il Matcha è un altro tipo di tè verde che proviene dalla stessa pianta. Tuttavia, viene coltivato in modo diverso in modo che abbia livelli più elevati di clorofilla, caffeina e antiossidanti. Dopo che le foglie di tè sono state raccolte, i gambi e le foglie vengono rimossi. Viene quindi macinato in una polvere verde brillante.

Il matcha ha molti degli stessi benefici del tè verde, ma a causa del suo contenuto di caffeina più elevato, le persone tendono a consumarlo in quantità minori.

Sia il tè verde che il matcha possono essere usati per preparare un frullato, fornendo una carica di antiossidanti con il suo sapore leggero e leggermente erboso. mi piace il Pique Tea Matcha in quanto è quadruplicato contro le tossine e la loro piantagione di tè si trova in alta montagna dove le temperature più fresche sono un repellente naturale per gli insetti.

Precauzioni, effetti collaterali e contenuto di fluoro

Le piante del tè sono note come accumulatori di fluoro, il che significa che possono assorbire e immagazzinare il fluoro. Quelli con tiroidite di Hashimoto o altre condizioni della tiroide, così come qualsiasi altro disturbo, dovrebbero chiedere a un medico ed esercitare cautela con il consumo di tè verde.

La ricerca ha scoperto che i tè verdi di qualità superiore hanno meno fluoro e che i tè di qualità inferiore hanno maggiori probabilità di contenere alti livelli di fluoro. Io compro tè verde biologico sfuso da una fonte attendibile e consumare con moderazione.

Il tè verde non è studiato nei bambini e non è raccomandato durante la gravidanza. Può anche bloccare l'assorbimento dell'acido folico, quindi potrebbe non essere meglio consumarlo se stai cercando di concepire. A causa del suo alto contenuto di antiossidanti, può interagire con alcuni farmaci, quindi consulta il tuo medico prima di consumare il tè verde, soprattutto in grandi quantità.

Come fare il tè verde

Questo tè è leggermente più difficile da preparare rispetto ad altri tè poiché è più delicato e può facilmente diventare amaro. Seguo queste regole per garantire un tè non amaro:

  • Inizia con un tè verde biologico di alta qualità. Compro all'ingrosso qui e le mie varietà preferite sono Dao Ren e Green Sencha.
  • Usa acqua calda tra 175-180 ° F.
  • Idealmente, usa un bollitore e metti le foglie di tè nel bollitore prima di aggiungere l'acqua. Uso 2 cucchiaini di tè per tazza (8 once) di acqua.
  • Lasciare in infusione solo per 1-2 minuti prima di versare in una tazza. Alcuni bollitori da tè hanno un colino incorporato, oppure il tè può essere versato attraverso un colino.
  • Per preparare il tè freddo, usa le stesse quantità e versa sopra una tazza di ghiaccio prima di consumarlo.

Questo articolo è stato rivisto dal punto di vista medico da Dott.ssa Lauren Jefferis, certificato di bordo in Medicina Interna e Pediatria. Come sempre, questo non è un consiglio medico personale e ti consigliamo di parlare con il tuo medico o di lavorare con un medico presso SteadyMD.

Sei un bevitore di tè? Quali varietà ti piacciono?

Fonti:

  1. Suzuki, Y., Miyoshi, N. e Isemura, M. (2012). Effetti salutari del tè verde. Atti della Japan Academy. Serie B, Scienze fisiche e biologiche, 88 (3), 88-101. https://doi.org/10.2183/pjab.88.88
  2. Hidese, S., Ogawa, S., Ota, M., Ishida, I., Yasukawa, Z., Ozeki, M. e Kunugi, H. (2019). Effetti della somministrazione di L-teanina sui sintomi legati allo stress e sulle funzioni cognitive in adulti sani: uno studio controllato randomizzato. Nutrienti, 11 (10), 2362. https://doi.org/10.3390/nu11102362
  3. Prasanth, M. I., Sivamaruthi, B. S., Chaiyasut, C., & Tencomnao, T. (2019). Una rassegna del ruolo del tè verde (Camellia sinensis) nell'antiphotoaging, nella resistenza allo stress, nella neuroprotezione e nell'autofagia. Nutrienti, 11 (2), 474. https://doi.org/10.3390/nu11020474
  4. Reygaert W. C. (2018). Catechine del tè verde: il loro uso nel trattamento e nella prevenzione delle malattie infettive. BioMed research international, 2018, 9105261. https://doi.org/10.1155/2018/9105261
  5. Nakachi, K., Suemasu, K., Suga, K., Takeo, T., Imai, K. e Higashi, Y. (1998). Influenza del consumo di tè verde sulla malignità del cancro al seno tra i pazienti giapponesi. Rivista giapponese di ricerca sul cancro: Gann, 89 (3), 254-261. https://doi.org/10.1111/j.1349-7006.1998.tb00556.x
  6. Fujiki, H., Watanabe, T., Sueoka, E., Rawangkan, A. e Suganuma, M. (2018). Prevenzione del cancro con il tè verde e il suo principale costituente, EGCG: dalle prime indagini all'attuale focus sulle cellule staminali tumorali umane. Molecole e cellule, 41 (2), 73-82. https://doi.org/10.14348/molcells.2018.2227
  7. Wang, J., Zhang, W., Sun, L., Yu, H., Ni, Q. X., Risch, H. A., & Gao, Y. T. (2012). Bere tè verde e rischio di cancro al pancreas: uno studio caso-controllo su larga scala, basato sulla popolazione, nella città di Shanghai. Epidemiologia del cancro, 36 (6), e354 – e358. https://doi.org/10.1016/j.canep.2012.08.004
  8. Miyata, Y., Shida, Y., Hakariya, T. e Sakai, H. (2019). Effetti anti-cancro dei polifenoli del tè verde contro il cancro alla prostata. Molecules (Basilea, Svizzera), 24 (1), 193. https://doi.org/10.3390/molecules24010193
  9. Khan, N. e Mukhtar, H. (2013). Tè e salute: studi sull'uomo. Disegno farmaceutico attuale, 19 (34), 6141–6147. https://doi.org/10.2174/1381612811319340008
  10. Chacko, S. M., Thambi, P.T., Kuttan, R. e Nishigaki, I. (2010). Effetti benefici del tè verde: una revisione della letteratura. Medicina cinese, 5, 13. https://doi.org/10.1186/1749-8546-5-13
  11. Hursel, R., Viechtbauer, W. e Westerterp-Plantenga, M. S. (2009). Gli effetti del tè verde sulla perdita di peso e sul mantenimento del peso: una meta-analisi. Giornale internazionale dell'obesità (2005), 33 (9), 956–961. https://doi.org/10.1038/ijo.2009.135
  12. Diepvens, K., Westerterp, K. R. e Westerterp-Plantenga, M. S. (2007). Obesità e termogenesi legate al consumo di caffeina, efedrina, capsaicina e tè verde. Rivista americana di fisiologia. Fisiologia normativa, integrativa e comparativa, 292 (1), R77 – R85. https://doi.org/10.1152/ajpregu.00832.2005
  13. Shimazu, T., Kuriyama, S., Hozawa, A., Ohmori, K., Sato, Y., Nakaya, N., Nishino, Y., Tsubono, Y., & Tsuji, I. (2007). Modelli dietetici e mortalità per malattie cardiovascolari in Giappone: uno studio prospettico di coorte. Rivista internazionale di epidemiologia, 36 (3), 600-609. https://doi.org/10.1093/ije/dym005
  14. Yokozawa, T. & Dong, E. (1997). Influenza del tè verde e dei suoi tre componenti principali sull'ossidazione delle lipoproteine ​​a bassa densità, patologia sperimentale e tossicologica, volume 49, numero 5. https://doi.org/10.1016/S0940-2993(97)80096-6.
  15. Raederstorff, D. G., Schlachter, M. F., Elste, V. e Weber, P. (2003). Effetto dell'EGCG sull'assorbimento dei lipidi e sui livelli plasmatici di lipidi nei ratti. The Journal of nutritional biochemistry, 14 (6), 326-332. https://doi.org/10.1016/s0955-2863(03)00054-8
  16. Peng, X., Zhou, R., Wang, B., Yu, X., Yang, X., Liu, K. e Mi, M. (2014). Effetto del consumo di tè verde sulla pressione sanguigna: una meta-analisi di 13 studi randomizzati controllati. Rapporti scientifici, 4, 6251. https://doi.org/10.1038/srep06251
  17. Weinreb, O., Mandel, S., Amit, T. e Youdim, M. B. (2004). Meccanismi neurologici dei polifenoli del tè verde nelle malattie di Alzheimer e Parkinson. The Journal of nutritional biochemistry, 15 (9), 506-516. https://doi.org/10.1016/j.jnutbio.2004.05.002
  18. Kondo, Y., Goto, A., Noma, H., Iso, H., Hayashi, K. e Noda, M. (2018). Effetti del consumo di caffè e tè sul metabolismo del glucosio: una revisione sistematica e una meta-analisi di rete. Nutrienti, 11 (1), 48. https://doi.org/10.3390/nu11010048
  19. Lu, Y., Guo, W. F. e Yang, X. Q. (2004). Contenuto di fluoro nel tè e suo rapporto con la qualità del tè. Giornale di chimica agricola e alimentare, 52 (14), 4472–4476. https://doi.org/10.1021/jf0308354