I problemi alla tiroide sembrano essere ovunque in questi giorni! Le donne in particolare sono più inclini a loro. L'ipotiroidismo può verificarsi per molte ragioni diverse, ma il nostro attuale stile di vita moderno e caotico può contribuirvi.

Ho lottato con problemi alla tiroide per più di un decennio. Anche se ho anche Hashimoto, una condizione della tiroide autoimmune, parte di ciò significa che ho a che fare con l'ipotiroidismo.

So per esperienza personale quanto sia miserabile avere una tiroide che non sta facendo bene il suo lavoro. Ora voglio trasmetterti la mia esperienza mentre cerchi di capire la tua.

Che cos'è una tiroide ipoattiva?

Avere una tiroide ipoattiva si chiama ipotiroidismo. Ciò accade quando la tua tiroide non produce abbastanza ormoni per energizzare il tuo corpo. Capire cosa può portare a una tiroide a bassa funzionalità è una parte fondamentale per ottenere risposte.

Mi è stata diagnosticata attraverso una serie di esami del sangue e un'ecografia tiroidea. Ho scoperto di avere diversi noduli sulla tiroide che verranno monitorati per assicurarmi che non si ingrandiscano.

Segni e sintomi comuni dell'ipotiroidismo

Ho avuto problemi alla tiroide molto prima di sapere cosa stava succedendo. È facile perdere i sintomi comuni dell'ipotiroidismo tra gli altri normali aspetti della vita. Per me, stavo avendo bambini, non dormivo molto a causa di ciò e lottavo per perdere peso perché pensavo che fosse normale per essere dopo il parto.

Ma in realtà, i miei sintomi erano molto più estremi di quanto avrebbero dovuto essere. La tiroide può produrre tanti sintomi diversi quando non si comporta correttamente. Alcune persone ne avranno molti, altri potrebbero avere solo uno o due segni evidenti. È qui che un test corretto fa la differenza nell'ottenere risposte.

Quali sono i sintomi dell'ipotiroidismo a cui prestare attenzione?

  • Aumento di peso, soprattutto quando non è correlato a cambiamenti nello stile di vita o nella dieta. Devi solo aumentare di peso apparentemente senza motivo e poi non puoi perderlo.
  • Sensazione di freddo tutto il tempo. Questo può accadere anche quando fuori fa caldo o nessun altro ha freddo.
  • Essere più stanco del solito, che tu dorma a sufficienza o meno.
  • Vivere la perdita di capelli che va avanti e avanti. I capelli possono anche essere sottili o fragili e generalmente malsani.
  • Avere le unghie che si rompono facilmente o la pelle secca e ruvida.
  • Sentirsi depresso o avere un umore basso.
  • Essere stitico o affrontare le emorroidi.
  • Avere un frequente mal di gola o voce rauca.
  • Sentirsi deboli nei muscoli o stancarsi facilmente dopo lo sforzo.
  • Avere alti livelli di colesterolo nel sangue, soprattutto LDL.
  • Affrontare periodi pesanti o cicli mestruali che non sono abbastanza regolari.
  • Avere un polso basso o una temperatura corporea basale bassa.
  • Sensazione di pienezza al collo o ingrossamento della tiroide (chiamato "gozzo").

Cosa fa la tiroide?

Come puoi vedere, i sintomi dell'ipotiroidismo sono estesi! Sembrano influenzare ogni area della vita, dai livelli di energia al peso, alla digestione, ai capelli, alla pelle e oltre.

Come può la tiroide avere così tanto potere? Una piccola ghiandola che si trova alla base del collo, la tiroide ha la forma di una farfalla. È una ghiandola endocrina, il che significa che produce ormoni.

La tiroide produce due ormoni: T4 e T3. Il primo, T4, è il modulo inattivo che viene convertito in modulo attivo secondo necessità. T3 è la forma attiva dell'ormone che viene prodotto in quantità minori. Hai bisogno di entrambi per avere una ghiandola tiroidea ben funzionante. Il TSH, abbreviazione di ormone stimolante la tiroide, è prodotto dalla ghiandola pituitaria ed è incaricato di dire alla tiroide quando produrre più T3 e T4.

Gli ormoni tiroidei bassi possono essere causati in diversi modi. A volte la ghiandola pituitaria non produce abbastanza TSH e la tiroide non riceve il promemoria per produrne di più. Altre volte, i livelli di TSH sono molto alti e la tiroide produce T4, ma il tuo corpo non è in grado di convertirlo in T3. Infine, c'è un altro ormone tiroideo noto come Reverse T3 e, in situazioni di stress, il corpo prende il tuo T4 e lo scarica in Reverse T3, con conseguente abbondanza di ormone tiroideo nel corpo a cui non può accedere per l'energia.

Gli ormoni tiroidei assicurano che le tue cellule abbiano l'energia per fare il loro lavoro. Gestisce anche il metabolismo, motivo per cui l'aumento di peso avviene così rapidamente quando la tiroide rallenta. Gli ormoni tiroidei sono necessari anche per la fertilità, la gravidanza, gli ormoni surrenali e un umore sano ed equilibrato.

Cause di ipotiroidismo

La tiroide è sensibile. Come la maggior parte delle ghiandole produttrici di ormoni, risponde all'ambiente generale del corpo. Se sei costantemente stressato, questo può portare a problemi alla tiroide. Ma anche altri fattori possono influenzarlo.

Leaky Gut

L'intestino che perde, o permeabilità intestinale, si verifica quando il corpo non è in grado di elaborare il cibo e le sostanze nutritive nel modo giusto. In sostanza, l'intestino perde e il cibo e altri batteri scivolano attraverso le fessure innescando problemi di digestione e assorbimento. Questo è anche uno dei modi in cui la malattia autoimmune, come quella di Hashimoto, potrebbe essere scatenata.

Carenze nutritive

La tua tiroide ha bisogno di nutrienti sia per produrre ormoni che per convertirli nella giusta forma. A seconda della dieta, è facile essere veramente poveri di alcuni nutrienti tiroidei essenziali come ferro, magnesio, selenio e vitamina D.

I problemi intestinali possono anche diminuire la capacità del corpo di elaborare efficacemente questi nutrienti. Se c'è un problema nell'intestino, non importa quanto consumiamo questi integratori o mangiamo cibi ricchi di nutrienti, il corpo non sarà in grado di strappare loro tutta la bontà. Questo è particolarmente importante da affrontare durante la gravidanza poiché c'è una maggiore richiesta di nutrienti e dopo la gravidanza, poiché perdiamo le riserve di nutrienti e ci vuole tempo per ricostruirle.

Sensibilità alimentare

Ti sei mai sentito gonfio o gonfio dopo aver mangiato? O hai mal di stomaco o hai un breakout? Tutti questi sintomi possono indicare che il tuo corpo è sensibile a ciò che hai appena mangiato.

Le sensibilità alimentari come glutine, latticini e soia sono abbastanza comuni e possono anche avere un impatto negativo sul funzionamento della tiroide. Il glutine può anche causare una permeabilità intestinale!

Squilibrio di zucchero nel sangue

Affinché gli ormoni nel corpo siano equilibrati, tutto il resto deve essere stabile. Questo è indicato come omeostasi. Quando il livello di zucchero nel sangue è squilibrato o i livelli di insulina sono costantemente troppo alti, a causa dello stress o del diabete, la tiroide potrebbe avere difficoltà a produrre abbastanza ormoni.

Il doppio colpo dell'ormone tiroideo basso e del glucosio alto può portare a un aumento di peso ancora maggiore. Peggio ancora, avere l'ipotiroidismo può anche aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Tossicità

Un accumulo tossico è anche comune nelle persone alle prese con problemi alla tiroide. Ci sono alcune cose, come l'aria che respiriamo, che non possiamo controllare. Tuttavia, possiamo fare passi da gigante per disintossicare le nostre case.

La tua tiroide risponde a ogni parte dell'ambiente in cui vivi. L'uso di prodotti riempiti con ingredienti artificiali e sintetici può rendere il tuo corpo più tossico. Questo può ammanettare la tua ghiandola tiroidea quando cerchi di fare il suo lavoro.

(Se non sai da dove iniziare a eliminare gli ingredienti tossici per la cura personale, inizia da qui.)

Genetica

Potresti essere predisposto a problemi alla tiroide in base alla tua genetica, sebbene questo sia più comune con la versione autoimmune dei problemi alla tiroide. Tuttavia, se hai una mamma, una sorella o altri familiari stretti con problemi alla tiroide, potrebbe significare che hai maggiori probabilità di averli anche tu.

Questo è il test genetico che ho usato ei risultati hanno guidato molti dei miei passi successivi nella personalizzazione del mio approccio. Puoi anche ascoltare il mio podcast sull'argomento qui.

Post-gravidanza

Le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare problemi alla tiroide dopo il parto, anche se non hanno una storia familiare o problemi precedenti. Ci sono molte teorie sul perché, ma le principali fluttuazioni ormonali e le carenze nutrizionali, insieme alla rivelatrice mancanza di sonno che si verifica in quelle prime settimane e mesi, sono probabilmente i colpevoli.

Infezioni

Se il tuo corpo ha a che fare con infezioni croniche o recenti, la tua tiroide potrebbe subire il colpo. Le infezioni sottostanti, come il virus Epstein Barr che causa una crescita eccessiva mono o batterica come la Candida, possono influire negativamente sulla tiroide.

Cosa fare prima per la tiroide bassa

Se sospetti di essere ipotiroideo, la prima cosa di cui hai bisogno è il lavoro di laboratorio. Non esiste un vero modo per valutare cosa sta succedendo alla tua tiroide senza testare gli ormoni reali.

Alcuni medici eseguiranno solo TSH o T3 totale per controllare la tiroide. Questo è problematico perché fornisce solo un'istantanea parziale di ciò che sta accadendo. Se vuoi il quadro completo e alcune risposte reali, devi portare a termine questi laboratori:

  1. Ormone stimolante la tiroide (TSH)– Questo è l'ormone ipofisario che misura il livello di ormone tiroideo nel sangue. Un livello più alto mostrerebbe che il tuo corpo deve lavorare di più (gridare più forte) per far sì che la tua tiroide faccia il suo lavoro.
  2. T3 gratuito / T4 gratuito– Questi sono i livelli disponibili di ormoni tiroidei nel sangue. Total T3 ti dirà quanto c'è nel tuo corpo, ma non ti va bene a meno che tu non possa usarlo. T3 gratuito mostra la quantità di ormone che hai a disposizione per utilizzare effettivamente.
  3. Reverse T3– Questo aiuterà a determinare se soffri di ipertiroidismo o ipotiroidismo. Tende ad essere basso nei casi di ipotiroidismo e alto nei casi di ipertiroidismo, ma a volte può essere alto nell'ipotiroidismo se il tuo corpo ha problemi di conversione.
  4. Anticorpi della perossidasi tiroidea / Anticorpi della tireoglobulina (anticorpi TPO / TG)– Questi sono gli anticorpi tiroidei e aiuteranno a escludere se il tuo ipotiroidismo sia guidato da un problema del sistema immunitario. Se hai gli anticorpi tiroidei e sei ipotiroideo, significa che hai la malattia di Hashimoto.
  5. Ultrasuoni tiroidei– Non tutti ne hanno bisogno, ma è particolarmente consigliato se il medico sospetta una crescita anormale o se si dispone di una condizione nota della tiroide.

Dopo aver completato il lavoro di laboratorio, la prossima cosa da fare è incontrare un operatore sanitario per discutere i risultati e impostare un piano. Se hai la conferma di avere la tiroide bassa o l'ipotiroidismo, ecco cosa puoi fare.

Cambiamenti nello stile di vita per l'ipotiroidismo

Ho apportato alcuni cambiamenti nella dieta e nello stile di vita da quando ho scoperto i miei problemi alla tiroide. Mentre sto assumendo anche sostituti dell'ormone tiroideo, questi sono stati davvero utili anche prima di iniziare il farmaco e volevo condividerli con te.

Dieta per tiroide ipoattiva

Stavo già seguendo una dieta sana prima di scoprire i miei problemi alla tiroide, quindi la dieta non era l'intero problema per me. Tuttavia, ecco alcuni cambiamenti dietetici aggiuntivi che possono aiutare a sostenere la salute della tiroide:

  • Evita i cibi infiammatori. Questo può includere dolcificanti, alimenti trasformati, cereali, soia e latticini, ma può anche includere qualsiasi cosa a cui sei sensibile.
  • Concentrati sul mangiare carne e pesce di qualità. Le carni e i frutti di mare nutriti con erba e catturati in natura hanno profili nutrizionali migliori e non contengono possibili problemi infiammatori come antibiotici o micotossine.
  • Mangia molte verdure a foglia verde cotte in olio di cocco. Le verdure sono ricche di nutrienti e fibre amiche della tiroide, che possono aiutare con la stitichezza causata dall'ipotiroidismo.
  • Mangia anche frutta, ma concentrati su quelli a basso indice glicemico (principalmente bacche). Questo è particolarmente importante se hai un alto livello di glucosio o insulina.
  • Bere brodo di ossa un paio di volte al giorno. È ricco di sostanze nutritive per la guarigione dell'intestino, tra cui collagene e gelatina.
  • Non andare a basso contenuto di carboidrati per cercare di forzare la perdita di peso. Mentre vuoi evitare i carboidrati ricchi di amido o quelli zuccherini, la tua tiroide ha bisogno del giusto tipo di carboidrati per produrre ormoni.

Esercizio per potenziare la funzione tiroidea

Quando hai a che fare con la tiroide bassa e sei già stanco, l'esercizio potrebbe sembrare l'ultima cosa a cui vuoi pensare. Ma devi essere in grado di muovere il tuo corpo per promuovere la salute.

Tuttavia, il cardio infinito probabilmente farà più male di quanto non aiuterà. L'esercizio fisico causa una certa quantità di stress nel corpo, ma in seguito porta a una riduzione dello stress. Questo non è il caso quando stai sovraccaricando il tuo corpo con l'esercizio.

Alcuni dei modi migliori per sostenere il tuo corpo con l'esercizio quando la tiroide è bassa sono:

  • Yoga: la ricerca rileva che aiuta a ridurre i sintomi dell'ipotiroidismo e abbassa lo stress.
  • Rimbalzo: passo alcuni minuti al giorno a saltare su un mini-trampolino per far scorrere il sangue e aumentare il drenaggio linfatico.
  • Camminare: non è necessario eseguire la camminata veloce per trarre vantaggio da una passeggiata mattutina o da una passeggiata in famiglia dopo cena.
  • Allenamento della forza: gli esercizi con i pesi sono utili per la densità ossea (che a volte può essere associata a problemi per le persone con problemi di tiroide) ma sono anche noti per essere ottimi per coloro che hanno problemi alla tiroide.

Stile di vita per l'ipotiroidismo

Sembra più facile a dirsi che a farsi dire "ridurre lo stress", ma la gestione dello stress è in realtà importante quando si tratta di correggere l'ipotiroidismo.

Non è così semplice come desiderare di allontanare lo stress, ovviamente, ma dopo la dieta e l'esercizio fisico, ci sono altri modi comprovati per abbassare i livelli di stress.

Avere una sana routine del sonno è in cima alla lista. Il tuo corpo guarisce quando dormi. Produce ormoni, ripara le cellule e dà una pausa al tuo intestino, il tutto mentre dormi. Se dormi perennemente a corto di sonno, i tuoi ormoni dello stress saranno fuori controllo, il che influenzerà la tua tiroide e così via.

Considero una priorità dormire ogni notte entro le 22:00. Questo non accade sempre tra i bambini e altre cose, ma sto decisamente cercando di renderlo la mia norma.

Pratico anche il rilassamento attivo e considero un punto importante fare cose che sono rilassanti e che riducono lo stress per me. Ciò che funziona per me potrebbe non funzionare per te, quindi è importante identificare le cose che si sentono vivificanti ed energizzanti. Dovrebbero sentirsi come "arrivare a" e non un'altra cosa nella tua lista di cose da fare.

La respirazione diaframmatica, o respirazione della pancia, come viene talvolta chiamata, è un altro ottimo modo per promuovere il sollievo dallo stress. Anche se non sei un professionista della meditazione, imparare a respirare in questo modo può portarti ad essere più consapevole di ciò che sta accadendo nel tuo corpo.

Infine, il cortisolo, che è l'ormone dello stress, può influenzare il funzionamento della tiroide. Una delle cose che ho fatto nel tempo è stare seduta al sole la mattina con la mia famiglia. Questo è assolutamente gratuito e aiuta a promuovere livelli equilibrati di cortisolo. È anche ottimo per alleviare lo stress! Ho notato cambiamenti misurabili nei miei livelli ormonali, anche solo stando costantemente al sole al mattino.

Integratori per l'ipotiroidismo

Credo che sia meglio ottenere i nutrienti dal cibo quando possibile. In questo caso, il mio esaurimento dei nutrienti richiedeva integratori specifici per migliorare i miei livelli. I cambiamenti nella dieta e l'aggiunta di questi integratori hanno fatto un'enorme differenza nel ridurre i miei sintomi (problemi di pelle, affaticamento, ecc.) E noto quando non li prendo.

Questi sono integratori che possono supportare una sana funzione tiroidea:

  • Glutatione: un potente antiossidante che aiuta a bilanciare gli ormoni e rafforza il sistema immunitario. Noto decisamente una differenza quando non la prendo. Ne prendo uno ogni mattina sotto la lingua.
  • Vitamina D: una vitamina che ha proprietà ormonali ed è importante per la tiroide, l'immunità e l'umore. Aiuta a trasportare gli ormoni tiroidei nelle cellule dove possono essere utilizzati. Anche se trascorro molto tempo al sole durante l'estate e prendo vitamina D durante l'inverno, ero carente. Questo è relativamente comune con i problemi alla tiroide e sto usando un integratore di vitamina D per aumentare i miei livelli.
  • Vitamina C: un antiossidante, la vitamina C aiuta a sostenere una sana funzione surrenale e tiroidea. Il mio cortisolo era alto durante la notte, indicando uno stress surrenale, quindi ho aggiunto una vitamina C di qualità ad ogni pasto.
  • Probiotici: batteri benefici che supportano la salute dell'intestino, i probiotici aiutano con l'infiammazione e altri fattori relativi all'ipotiroidismo (come costipazione e permeabilità intestinale). Mangiavo già cibi ricchi di probiotici, ma l'integrazione può promuovere livelli intestinali sani più velocemente. Prendo questi ora ogni giorno.
  • Magnesio: un minerale associato a muscoli sani, umore e sonno, i bassi livelli sono anche legati all'ipotiroidismo. Uso olio di magnesio transdermico e prendo anche integratori di magnesio. MagSRT è l'integratore che prendo e utilizzo l'olio di magnesio.
  • Selenio: un antiossidante necessario per la produzione di ormoni tiroidei, i livelli di selenio sono spesso bassi nei pazienti ipotiroidei.

Cosa non fare per l'ipotiroidismo

È importante capire che l'ipotiroidismo è un disturbo a sé stante, ma che puoi avere anche altri problemi alla tiroide. La tiroidite di Hashimoto è una malattia autoimmune che provoca danni alla ghiandola tiroidea indotta dal sistema immunitario. Se hai questo problema, il solo tentativo di affrontare l'ipotiroidismo non lo risolverà.

Ottenere la giusta diagnosi su cosa sta succedendo con la tua tiroide è essenziale per trovare sollievo. È anche importante evitare cose che possono peggiorare il tuo ipotiroidismo. Queste sono cose che non dovresti fare se sai o sospetti che la tua tiroide funzioni male.

Niente sostituisce la consulenza medica personalizzata, quindi assicurati di lavorare con un operatore sanitario che comprende davvero la funzione tiroidea.

Non prendere integratori di iodio

Una modifica che ho apportato immediatamente dopo aver scoperto i miei problemi alla tiroide è stata di interrompere l'assunzione di iodio. In alcuni casi, lo iodio può aiutare le persone con ipotiroidismo, ma per la maggior parte, le persone negli Stati Uniti hanno livelli sufficienti di iodio per prevenire i disturbi della tiroide.

L'assunzione di iodio quando sei ipotiroideo può causare problemi perché ottenere più del necessario non è meglio e se il tuo ipotiroidismo è causato da Hashimoto, stai versando carburante sul fuoco del tuo attacco autoimmune. In effetti, a Revisione del 2012 ha scoperto che la limitazione dello iodio potrebbe, in alcuni casi, invertire i sintomi dell'ipotiroidismo.

Non auto-medicare con rimedi naturali

Sono un grande sostenitore dei rimedi naturali, ma i problemi alla tiroide richiedono l'esperienza di un medico. Non limitarti a prendere integratori e sperare per il meglio.

Ci sono molti integratori per la tiroide sul mercato che possono o non possono aiutare e potrebbero peggiorare le cose. Segui sempre il consiglio medico del tuo medico (condivido le informazioni del mio medico di seguito), poiché sta esaminando tutti i fattori che influiscono sulla tua salute.

Tieni traccia di ciò che funziona

Uno dei modi più importanti in cui ho trovato ciò che funziona per me è prestare attenzione a ciò che sto facendo e al modo in cui influisce sulla mia salute. Uso una serie di app e il mio anello Oura per tenere appunti su ciò che sta accadendo con la mia salute, i cambiamenti di esercizio fisico, ciò che sto mangiando e così via.

Non devi essere ossessionato dalla salute per tenerne traccia. Il modo migliore per vedere cosa aiuta, cosa no e anche cosa potrebbe far male, è di averlo scritto davanti a te.

Conclusione: prenditi cura della tua tiroide!

Tutti questi cambiamenti insieme hanno fatto una grande differenza per me anche prima di iniziare a prendere farmaci per la tiroide. Un promemoria, però: non sono un medico e non ne gioco uno su Internet. Condivido la mia esperienza personale solo a scopo informativo. Questo post non deve essere considerato come un consiglio medico.

È stata una strada così lunga per ottenere una diagnosi e ho visto diversi medici prima di ottenere finalmente le risposte. So che può essere difficile trovare un esperto di tiroide locale. Questo è uno dei tanti motivi per cui ho collaborato con questo servizio che ti abbina a un medico di base online in base alle tue esigenze mediche e al tuo stile di vita. Sono un paziente da oltre un anno ormai ed è stato estremamente utile nella gestione della mia condizione tiroidea.

Ovunque tu sia nel processo, sappi che non sei solo e che ci sono alcune modifiche semplici e convenienti che puoi apportare che ti aiuteranno!

Hai provato qualcuna di queste cose per aumentare il funzionamento della tiroide? Quali altri cambiamenti hai apportato che hanno aiutato? Condividi sotto!

Fonti:

  1. Office on Women’s Health, U.S. Department of Health and Human Services. (2019). Malattia della tiroide. https://www.womenshealth.gov/a-z-topics/thyroid-disease
  2. Mayo Clinic. (2020). Ipotiroidismo (tiroide ipoattiva). https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/hypothyroidism/symptoms-causes/syc-20350284
  3. Istituto per la qualità e l'efficienza nell'assistenza sanitaria. (2010). Come funziona la ghiandola tiroidea? https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK279388/
  4. Gupta, V. e Lee, M. (2011). Ipotiroidismo centrale. https://doi.org/10.4103/2230-8210.83337
  5. Moura Neto, A., e Zantut-Wittmann, D.E. (2016). Anomalie del metabolismo degli ormoni tiroidei durante la malattia sistemica: la sindrome da basso T3 in diversi contesti clinici. https://doi.org/10.1155/2016/2157583
  6. Gomes-Lima, C., Wartofsky, L. e Burman, K. (2019). È possibile utilizzare il test T3 inverso per guidare la terapia T4 rispetto a T4 / T3 nell'ipotiroidismo? https://doi.org/10.3389/fendo.2019.00856
  7. Bischoff, S. C., Barbara, G., Buurman, W., Ockhuizen, T., Schulzke, J. D., Serino, M., Tilg, H., Watson, A., & Wells, J. M. (2014). Permeabilità intestinale: un nuovo obiettivo per la prevenzione e la terapia delle malattie. https://doi.org/10.1186/s12876-014-0189-7
  8. Babiker, A., Alawi, A., Al Atawi, M. e Al Alwan, I. (2020). Il ruolo dei micronutrienti nella disfunzione tiroidea. https://doi.org/10.24911/SJP.106-1587138942
  9. Lerner, A., Jeremias, P. e Matthias, T. (2017). Asse intestino-tiroideo e celiachia. https://doi.org/10.1530/EC-17-0021
  10. Fasano A. (2020). Tutte le malattie iniziano nell'intestino (permeabile): ruolo della permeabilità intestinale mediata dalla zonulina nella patogenesi di alcune malattie infiammatorie croniche. https://doi.org/10.12688/f1000research.20510.1
  11. Wang C. (2013). La relazione tra diabete mellito di tipo 2 e malattie della tiroide correlate. https://doi.org/10.1155/2013/390534
  12. Chaker, L., Ligthart, S., Korevaar, T. I., Hofman, A., Franco, O. H., Peeters, R. P., & Dehghan, A. (2016). Funzione tiroidea e rischio di diabete di tipo 2: uno studio prospettico di coorte basato sulla popolazione. https://doi.org/10.1186/s12916-016-0693-4
  13. Sarne, D. (2016). Effetti dell'ambiente, dei prodotti chimici e dei farmaci sulla funzione tiroidea. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK285560/
  14. Cortés, J., & Zerón, H. M. (2019). Genetica dei disturbi della tiroide. https://doi.org/10.2478/folmed-2018-0078
  15. Di Bari, F., Granese, R., Le Donne, M., Vita, R., & Benvenga, S. (2017). Anomalie autoimmuni delle malattie della tiroide postpartum. https://doi.org/10.3389/fendo.2017.00166
  16. Janegova, A., Janega, P., Rychly, B., Kuracinova, K. e Babal, P. (2015). Il ruolo dell'infezione da virus di Epstein-Barr nello sviluppo di malattie della tiroide autoimmuni. https://doi.org/10.5603/EP.2015.0020
  17. Tsatsoulis, A. e Fountoulakis, S. (2006). Il ruolo protettivo dell'esercizio sulla disregolazione del sistema dello stress e sulle comorbidità. https://doi.org/10.1196/annals.1367.020
  18. Singh, P., Singh, B., Dave, R. e Udainiya, R. (2011). L'impatto dello yoga sulle pazienti di sesso femminile che soffrono di ipotiroidismo. https://doi.org/10.1016/j.ctcp.2010.11.004
  19. Tuchendler, D. e Bolanowski, M. (2014). L'influenza della disfunzione tiroidea sul metabolismo osseo. https://doi.org/10.1186/s13044-014-0012-0
  20. Nadol'nik, L. I. (2010). Stress e tiroide. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21032895/
  21. Hirotsu, C., Tufik, S., & Andersen, M. L. (2015). Interazioni tra sonno, stress e metabolismo: dalle condizioni fisiologiche a quelle patologiche. https://doi.org/10.1016/j.slsci.2015.09.002
  22. Ma, X., Yue, Z. Q., Gong, Z. Q., Zhang, H., Duan, N. Y., Shi, Y. T., Wei, G. X., & Li, Y. F. (2017). L'effetto della respirazione diaframmatica sull'attenzione, sugli effetti negativi e sullo stress negli adulti sani. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2017.00874
  23. Walter, K. N., Corwin, E. J., Ulbrecht, J., Demers, L. M., Bennett, J. M., Whetzel, C.A, & Klein, L. C. (2012). L'ormone stimolante la tiroide elevato è associato a cortisolo elevato in giovani uomini e donne sani. https://doi.org/10.1186/1756-6614-5-13
  24. Wang, K., Wei, H., Zhang, W., Li, Z., Ding, L., Yu, T., Tan, L., Liu, Y., Liu, T., Wang, H., Fan, Y., Zhang, P., Shan, Z. e Zhu, M. (2018). Il magnesio sierico gravemente basso è associato ad un aumento dei rischi di anticorpi anti-tireoglobulina positivi e ipotiroidismo: uno studio trasversale. https://doi.org/10.1038/s41598-018-28362-5
  25. Andrade, G., Gorgulho, B., Lotufo, P. A., Bensenor, I. M., & Marchioni, D. M. (2018). Assunzione dietetica di selenio e ipotiroidismo subclinico: un'analisi trasversale dello studio ELSA-Brasil. https://doi.org/10.3390/nu10060693
  26. Office of Dietary Supplements, National Institutes of Health. (2020). Iodio. https://ods.od.nih.gov/factsheets/Iodine-HealthProfessional/
  27. Leung, A. M. e Braverman, L. E. (2012). Disfunzione tiroidea indotta da iodio. https://doi.org/10.1097/MED.0b013e3283565bb2