Ci sono sintomi che molti di noi potrebbero considerare solo "parte della vita", ma niente è normale riguardo alla stanchezza cronica, al reflusso acido, alle articolazioni doloranti, all'incapacità di perdere peso, ai capelli che cadono a ciuffi e alla depressione. In effetti, questi sintomi di solito ci dicono che sta succedendo qualcosa nel nostro corpo che dobbiamo affrontare.

Ho la tiroidite di Hashimoto, una condizione autoimmune in cui il corpo attacca erroneamente la tiroide. Il mio percorso verso la diagnosi è stato lungo e frustrante. Ho anche avuto sintomi per molto tempo che non sapevo nemmeno fossero associati a problemi alla tiroide.

Ricevo quotidianamente domande su ciò che faccio per la mia tiroide, su come mi è stato diagnosticato l'Hashimoto e l'ipotiroidismo e su come trovare risposte in modo che tu possa iniziare a sentirti meglio.

Questo post è una raccolta di tutto ciò che ho imparato su Hashimoto negli ultimi anni. Ho scritto questo post per darti risorse in modo che tu possa trovare le tue risposte.

Anche se non sono un medico e questo non è un consiglio medico, si spera che condividere questo ti salverà alcuni ostacoli lungo la strada e acceleri il processo di ricerca del medico / soluzione giusta per te.

Che cos'è la tiroidite di Hashimoto?

Probabilmente hai sentito parlare della tiroidite di Hashimoto, come ne ho scritto in passato. La malattia di Hashimoto è una delle malattie autoimmuni più comuni al mondo. È anche noto come tiroidite autoimmune o tiroidite linfocitica cronica. Quello che è veramente, però, è un vero e proprio dolore al collo!

La tiroide è una ghiandola a forma di farfalla che si trova alla base del collo. Produce ormoni che regolano il metabolismo. Questo è il motivo per cui i problemi alla tiroide possono provocare aumento o perdita di peso, oltre a una sensazione di troppo caldo (tiroide iperattiva) o troppo freddo (tiroide iperattiva).

Tra i casi di Hashimoto negli Stati Uniti, le donne subiscono un impatto 10 volte maggiore rispetto agli uomini. Mentre la maggior parte delle donne viene diagnosticata tra i 30 ei 50 anni, le donne di qualsiasi età possono sviluppare problemi alla tiroide.

Mentre Hashimoto è diverso dall'ipotiroidismo, la malattia autoimmune è la causa più comune di ipotiroidismo negli Stati Uniti, secondo l'American Thyroid Association.

Stime prudenti dicono che 1 donna su 5 soffrirà di Hashimoto o di un altro tipo di malattia della tiroide ad un certo punto della vita. Le donne sono più inclini a problemi alla tiroide e alle malattie autoimmuni in generale, grazie a una combinazione di ormoni, al modo in cui il nostro corpo risponde all'ambiente e alla genetica.

Potrebbe sembrare un'affermazione audace, ma quando sei così esausto che ti fa letteralmente male alzarti dal letto, o sei così ansioso che pensi di impazzire, o i tuoi capelli letteralmente non ti resteranno sulla testa —Puoi vedere come questa malattia metta in pausa la vita mentre lotti per superare ogni giorno.

Segni e sintomi di Hashimoto

Hashimoto condivide molti dei sintomi dell'ipotiroidismo. Avere una tiroide ipoattiva porta a sintomi comuni come affaticamento, perdita di capelli e pelle secca. Ma quando hai anche una componente autoimmune, potresti avere maggiori probabilità di avere dolore cronico o disturbi autoimmuni correlati.

Segni o sintomi comuni con Hashimoto sono:

  • Gozzo o gonfiore del collo
  • Aumento di peso
  • Pelle secca
  • Difficoltà a deglutire
  • Frequente mal di gola
  • La perdita di capelli
  • Colesterolo alto
  • Debolezza muscolare
  • Stanchezza e affaticamento
  • Bassa frequenza cardiaca
  • Bassa temperatura corporea basale
  • Sensibilità al freddo
  • Stipsi
  • Dolore articolare e sensazione di rigidità
  • Depressione e cambiamenti di umore
  • Vuoti di memoria e scarsa capacità cognitiva
  • Periodi mestruali pesanti
  • Infertilità o aborto spontaneo
  • Ridotta tolleranza all'esercizio o all'attività

Parla di una lista orribile! Mentre la maggior parte delle persone con Hashimoto non avrà tutti i sintomi in quella lista, anche solo uno o due sono sufficienti per farti sentire malissimo.

Avevo problemi a perdere peso e mi sentivo stanco tutto il tempo. Li ho attribuiti all'essere mamma di bambini piccoli e dormire male. Sfortunatamente, le nuove mamme sono a maggior rischio di sviluppare una cosa nota come tiroidite postpartum. Può essere una forma temporanea di malattia tiroidea autoimmune o può diventare permanente.

Differenze tra Hashimoto e ipotiroidismo

Se hai sintomi di tiroide bassa, come puoi distinguere se si tratta di ipotiroidismo o di Hashimoto? Quella di Hashimoto è la causa più comune di ipotiroidismo, ma ciò non significa che tu abbia la certezza di averlo.

Il modo migliore per capire cosa sta causando i sintomi è sottoporsi a test adeguati. Mi ci è voluto molto tempo per ottenere la diagnosi perché non sapevo davvero cosa stavo cercando. Se hai segni di ipotiroidismo, fare i laboratori giusti può escludere la causa e ottenere risposte più velocemente.

Test per la tiroidite di Hashimoto

Per avere un quadro completo della tua salute tiroidea, hai bisogno di diversi test tiroidei. Alcuni medici eseguiranno solo TSH, che fornisce un'immagine incompleta di ciò che sta facendo la tiroide. Questo è il motivo per cui mi ci è voluto così tanto tempo per ottenere una diagnosi corretta. Per evitare un lungo periodo di limbo della diagnosi, è necessario eseguire i seguenti test:

  • TSH (ormone stimolante la tiroide): Questo test mostra quanto sia difficile che la ghiandola pituitaria debba lavorare per dire alla tiroide di produrre più ormoni. Livelli elevati indicherebbero ipotiroidismo. Nelle prime fasi di Hashimoto, il TSH potrebbe essere normale.
  • T3 gratuito e T4 gratuito: Queste sono le versioni attive dei tuoi ormoni tiroidei. Testando le forme libere, il medico può vedere quanto ormone hai a disposizione da usare. Livelli soppressi indicherebbero una tiroide in difficoltà. Il T3 libero e il T4 libero possono essere elevati o soppressi nei pazienti di Hashimoto, a seconda di dove ti trovi nel processo della malattia.
  • Reverse T3: Questo laboratorio aiuta a valutare il motivo per cui i livelli di T3 o T4 potrebbero non essere ottimali. In periodi di stress o ipertiroidismo, il corpo immagazzina il T3 in eccesso come T3 inverso.
  • Anticorpo per la perossidasi tiroidea e anticorpi per la tireoglobulina: Questi misurano il livello di anticorpi che il tuo corpo ha prodotto per attaccare la tua tiroide. Livelli normali, o non averne nessuno, mostrano che non hai Hashimoto. Livelli elevati potrebbero indicare la malattia di Hashimoto o di Graves (la versione ipertiroidea della malattia tiroidea autoimmune).
  • Ecografia tiroidea: Alcuni medici controlleranno anche la tua tiroide tramite ultrasuoni, soprattutto se hai sintomi da molto tempo o hai una ghiandola tiroidea ingrossata. È importante che informi il medico se ha dolore alla base del collo o fa male a deglutire, poiché questi potrebbero anche essere segni di una ghiandola tiroidea gonfia.

Come ottenere la giusta diagnosi

Dopo aver completato il lavoro di laboratorio e gli esami, è importante lavorare con un medico per ottenere una diagnosi ufficiale. La cosa che devi sapere è che non tutti i dottori sono esperti di tiroide e alcuni di loro potrebbero cancellare i tuoi sintomi come normali. Ma se non ti senti normale, devi trovare qualcuno che ti prenda sul serio.

Ho lottato per ottenere una diagnosi. Alla fine è successo dopo che ero a una conferenza e ho avuto un incontro casuale con il dottor Alan Christianson, un esperto di tiroide. Allungò la mano e tastò la mia tiroide. Ha anche gestito alcuni laboratori, ma sulla base di queste cose, mi ha diagnosticato piuttosto rapidamente Hashimoto.

Mi sono sentito così tanto sollevato di avere finalmente una risposta per sentirmi così malissimo! Una diagnosi può sembrare opprimente, ma fornisce anche una chiara direzione per sentirsi meglio. Se il tuo medico dice che i tuoi livelli di TSH sono "normali" e non eseguirà altri esami del sangue, è probabilmente il momento di ottenere una seconda opinione.

Che cosa causa la tiroidite di Hashimoto?

Hashimoto si verifica quando il sistema immunitario del corpo prende di mira erroneamente la tiroide per l'attacco. Ciò può accadere per uno o più motivi, ma questi fattori di rischio sono i più comuni:

  • Genetica o storia familiare
  • Fattori ambientali (dieta, stress, tossine, sostanze chimiche, inquinamento atmosferico, ecc.)
  • Intestino che perde (compresi alcuni cibi trigger come latticini, glutine e soia)
  • Trigger ormonali (avere un bambino, entrare in menopausa)
  • Avere un'altra malattia autoimmune (diabete di tipo 1, celiachia, artrite reumatoide, ecc.)
  • Alcune infezioni virali (come Epstein Barr, enterovirus, rosolia, parotite, herpes simplex e parvovirus)
  • La malattia di Graves, o ipertiroidismo autoimmune, può anche "bruciare" la tiroide e portare a Hashimoto

Alessio Fasano è un esperto di permeabilità intestinale e autoimmunità. La sua ricerca ha scoperto che mentre i suddetti trigger, in particolare la permeabilità intestinale, possono essere coinvolti nella cascata che scatena l'autoimmunità, non devi aggiustare tutto prima di iniziare a sentirti meglio. Ovviamente non puoi controllare i tuoi geni! Ma hai la capacità di affrontare gli altri elementi e voglio discutere di come l'ho fatto nella mia vita.

Non esiste una cura per Hashimoto. Le malattie autoimmuni non scompaiono una volta sviluppate, ma puoi entrare in remissione. È possibile essere senza sintomi e ridurre a zero i propri anticorpi. Ma questo processo richiede tempo. Non puoi aspettarti di sentirti completamente normale dopo pochi giorni o settimane.

Tuttavia, le modifiche che apporti per affrontare il problema di Hashimoto andranno a beneficio del resto della tua vita!

Come iniziare a sentirsi meglio da Hashimoto

Ho scherzato prima sul fatto che ho creato la ricetta perfetta per causare malattie autoimmuni. Non dormivo, mangiavo cibo pessimo e ero sempre stressato. Con una predisposizione genetica, quello stile di vita può facilmente innescare l'autoimmunità.

Ma se puoi vivere uno stile di vita che ti rende incline alle malattie, puoi anche vivere uno stile di vita che ti aiuti ad affrontarlo! Parte del lavoro per sentirsi meglio da Hashimoto sta affrontando le aree che possono migliorare la tua malattia: dieta e nutrienti, ambiente (come i prodotti per la cura personale), salute intestinale, stress e altri fattori dello stile di vita.

Il tuo medico ti proporrà un piano personalizzato, ma queste sono le basi del benessere per le malattie della tiroide.

Dieta e nutrienti

Molti esperti consigliano di iniziare con l'alimentazione e sono certamente d'accordo sul fatto che questo sia un primo passo importante! Inizia rimuovendo glutine, latticini e soia dalla tua dieta. Potresti scoprire che le opzioni paleo o autoimmuni paleo sono le migliori diete da usare mentre stai cercando di recuperare la tua salute.

Ragazzi, sapete come mi sento riguardo al glutine, ai latticini e alla soia, quindi quando ho scoperto che questi sono i passaggi consigliati per essere proattivi sulla prevenzione delle malattie della tiroide, è stato un gioco da ragazzi! Puoi trovare mio Wellness Mama Cookbook utile perché è pieno di ottime ricette per sostenere il tuo intestino e riempire te e la tua famiglia di deliziosi nutrienti.

Assicurati di assumere la giusta quantità di vitamine e minerali per dare al corpo la possibilità di combattere le malattie e le malattie. Molte volte, le persone che soffrono di malattie della tiroide e in particolare di Hashimoto sono carenti di nutrienti. Caricare selenio, zinco, vitamina D e persino magnesio migliorerà drasticamente il modo in cui ti senti.

Mangiare molta verdura, qualsiasi verdura, è un ottimo modo per riempire la tua dieta di vitamine e minerali. Alcuni temono le crocifere con malattie della tiroide, ma se sono cotte eviti potenziali complicazioni. Quindi non devi evitare broccoli, cavoli e cavoletti di Bruxelles. In effetti, questi sono ricchi di nutrienti curativi!

Non andare neanche a basso contenuto di carboidrati. La tiroide ha bisogno di carboidrati per produrre e convertire gli ormoni. Il dottor Alan Christianson, un esperto di tiroide, consiglia di consumare carboidrati durante la notte, il che va contro il normale consiglio. I carboidrati notturni aiutano a regolare il cortisolo e altri ormoni, favorendo un sonno migliore e aiutandoti anche a evitare la fame!

Gli integratori possono anche aiutare nella guarigione, ma assicurati che il tuo medico li consigli e sappia cosa stai assumendo. Lo iodio e altri integratori di "supporto della tiroide" potrebbero peggiorare Hashimoto.

Prodotti per la cura personale

Il nostro ambiente è ciò in cui viviamo, ma sono anche le cose che respiriamo e che assorbiamo attraverso la nostra pelle. Se hai Hashimoto, valuta la possibilità di pulire i tuoi prodotti per la cura personale.

Cura della pelle, trucco, lozioni, profumi, cura dei capelli e altri prodotti tendono a rendere le donne più suscettibili alle condizioni legate alla tiroide rispetto agli uomini. Le donne usano circa 12 prodotti per la cura personale con 168 ingredienti su base giornaliera. Confronta questo con un uomo che usa 6 prodotti con 85 ingredienti. Entrambi i numeri sono alti, ma 168 è quasi il doppio!

Quando spalmiamo lozioni e creme su tutto il viso, il collo e il corpo, filtra nel nostro flusso sanguigno e si deposita direttamente in altri organi, in particolare la tiroide. La tiroide è come un accumulatore e invece di rilasciare le tossine, si limita a trattenerle. Nel tempo, questo si trasforma in un ambiente tossico. Se non vengono rilasciati correttamente, possono devastare la ghiandola tiroidea, innescando l'autoimmunità.

Non è mai stato così facile sostituire gli ingredienti tossici per la cura personale con quelli naturali. La mia missione è stata quella di farlo per la mia famiglia e ho persino avviato una linea di prodotti per renderlo più facile per gli altri. Ci sono molte aziende là fuori che fanno la stessa cosa!

Salute intestinale

Oltre ai cambiamenti nella dieta, aiutare a riparare la salute dell'intestino si riduce a dare al tuo corpo gli strumenti di cui ha bisogno. Gli amminoacidi sono gli elementi costitutivi delle proteine ​​e sono anche importanti per riparare cose come le giunzioni strette nella parete intestinale. La gelatina presente nel brodo di ossa può aiutare a promuovere un rivestimento intestinale sano. Anche l'integrazione di collagene può aiutare.

I probiotici sono un'altra parte importante della salute dell'intestino. Il tuo microbioma è sempre un mix di batteri buoni e cattivi, ma i cattivi sono più resistenti di quelli buoni. I tuoi batteri buoni devono essere sostituiti spesso, soprattutto quando hai una malattia autoimmune. Puoi farlo mangiando cibi fermentati e assumendo un integratore probiotico quotidiano.

Fatica

È quasi impossibile non stressarsi mai, lo capisco. Ma lavorare per aiutare il tuo corpo a elaborare lo stress in modo più sano è davvero essenziale per riprendersi da Hashimoto.

Creare una sana routine del sonno, in cui si ha un orario regolare a cui si cerca di attenersi è una parte importante. Se hai bambini piccoli, potrebbe essere incostante, ma si tratta di valorizzarlo. Più cerchi di rendere il sonno una priorità, meglio sarà.

Esporsi alla luce del sole mattutino è ottimo anche per regolare il cortisolo e il ritmo circadiano. Non deve essere sulla tua pelle e non devi cercare di abbronzarti. Devi solo essere alla luce del mattino il prima possibile dopo esserti svegliato per almeno 30 minuti. Questo aiuterà a bilanciare il cortisolo, la melatonina e lavorerà per ridurre l'infiammazione nel corpo.

Quanto tempo ci vuole per sentirsi meglio da Hashimoto?

Il tuo viaggio nello sviluppo di Hashimoto è diverso dal mio e da quello di qualcun altro. Non c'è un periodo di tempo specifico in cui sei sicuro di sentirti meglio. Ma è importante avere una visione a lungo termine. Potrebbero essere necessarie settimane o addirittura mesi per notare un'enorme differenza, ma poiché i cambiamenti si verificano nel tempo, dureranno.

Affrontare le cause sottostanti rispetto al solo trattamento dei sintomi richiede più lavoro, ma la ricompensa è molto migliore. Arrivare alla remissione è stato un viaggio lungo un decennio per me. Ma se vieni diagnosticato prima di me, potresti anche sentirti meglio più velocemente.

Dovresti prendere farmaci per Hashimoto?

Alcune persone che hanno Hashimoto hanno bisogno della sostituzione dell'ormone tiroideo. Non c'è vergogna in questo! La levotiroxina è comune, ma ci sono diverse opzioni. Il farmaco che funziona per qualcun altro potrebbe non essere quello che ti aiuta di più.

Cerco di evitare i farmaci ogni volta che è possibile, ma c'è assolutamente un tempo e un luogo per la medicina convenzionale. Se la tua tiroide è stata danneggiata e non può produrre il proprio ormone, o se hai solo bisogno di una spinta temporanea mentre il tuo corpo sta guarendo da Hashimoto, la sostituzione dell'ormone tiroideo può fare un'enorme differenza nel modo in cui ti senti.

Ho trovato successo con Nature Throid, una versione essiccata naturale dell'ormone tiroideo. Ci sono molti tipi diversi e il tuo medico dovrebbe lavorare con te per determinare la soluzione migliore per le tue esigenze. Questo spesso significa controllare i livelli della tiroide alcune volte all'anno per assicurarsi che la dose sia corretta. Troppo ormone tiroideo può farti sentire tanto male quanto troppo poco!

Cosa non fare per Hashimoto

Se hai Hashimoto, è importante affrontare lo stile di vita e la dieta per promuovere la guarigione. È anche altrettanto importante evitare cose che potrebbero peggiorare la tua malattia della tiroide.

Evita lo iodio per le malattie della tiroide

La tiroide ha bisogno di iodio per produrre ormoni. Tuttavia, questa piccola quantità può essere ottenuta attraverso fonti alimentari. L'integrazione con iodio da sola è dannosa per Hashimoto e può scatenare una tempesta di sintomi, peggiorando l'attacco autoimmune.

L'ho imparato a mie spese. Dopo aver preso iodio su consiglio di un chiropratico, ho iniziato a sentirmi molto peggio. Anche la ricerca lo conferma. I paesi che aggiungono iodio al sale per evitare l'ipotiroidismo hanno anche tassi più elevati di Hashimoto! Ciò è stato dimostrato da studi in Sri Lanka, Brasile, Cina, Grecia e India.

Lo iodio peggiora l'attacco autoimmune alla tiroide perché rallenta l'attività della perossidasi tiroidea, un enzima necessario per la produzione degli ormoni tiroidei.

Il dottor Terry Wahls, un esperto di autoimmunità, osserva che lo iodio è peggiore quando anche i livelli di selenio sono troppo bassi. Gli anticorpi dovrebbero essere testati periodicamente per vedere se stanno aumentando o diminuendo in base al piano di trattamento.

Non saltare le visite dal dottore

Parlando di medici, seguire appuntamenti regolari e il lavoro di laboratorio è importante quando si tratta di rivolgersi a Hashimoto. Devi vedere come rispondono i tuoi livelli tiroidei e gli anticorpi. Potrebbe anche essere necessario aggiustare le dosi dei farmaci o apportare altre modifiche nel tempo, ed è difficile farlo se non si effettuano controlli regolari.

Informazioni sulla remissione di Hashimoto

Molti hanno fatto domande su come sono arrivato alla remissione, quindi voglio che sia chiaro che il processo per arrivarci è una maratona, non uno sprint. Poiché le malattie autoimmuni non possono essere curate, arrivare alla remissione significa che non sono presenti anticorpi. È possibile! Ma per arrivarci ci vuole la combinazione di tutto ciò di cui ho discusso in questo post, più tempo, oltre ad affrontare i tuoi fattori unici.

Una volta raggiunta la remissione, potrei smettere di essere così severa con la mia dieta. Affrontare i trigger emotivi, per me, è stato anche parte del mio arrivo in questo posto. Mangio più cibo ora di quanto non sia mai stato in grado di fare da adulto, compreso il glutine o lo zucchero occasionali, così come i latticini. Non mi danno fastidio ora che non sono infiammato e divampato di autoimmunità.

Per due anni dopo la diagnosi, sono stato molto severo con la mia dieta e altamente irreggimentato. Mentre stava succedendo, non stavo perdendo peso. Ci sono voluti anni dopo per essere in grado di perdere peso ed entrare in remissione. È un processo che richiede tempo.

Costruisci abitudini che ti consentano di implementare protocolli di guarigione e tenere traccia di ciò che stai facendo. In questo modo, sarai in grado di vedere cosa funziona e cosa aiuta a migliorare la tua energia e il sonno. Ho visto miglioramenti in questi molto prima di perdere peso o ottenere la remissione. Inizierai a sentirti meglio, ma per essere completamente migliore è un viaggio.

Anche cambiare la mia mentalità e affrontare i fattori emotivi alla base della mia perdita di peso, che erano correlati a Hashimoto, era qualcosa di diverso su cui dovevo concentrarmi. Ero arrabbiato con il mio corpo. È comprensibile, quando il tuo corpo attacca se stesso, sentirsi arrabbiato. Ma questi sentimenti devono essere risolti per aiutarti ad andare avanti.

Cosa ne pensi di Hashimoto? Tu o qualcuno che conosci soffri di qualche forma di malattia della tiroide? Mi piacerebbe sentire i tuoi pensieri nei commenti!

Fonti:

  1. Mayo Clinic. (2020). La malattia di Hashimoto. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/hashimotos-disease/symptoms-causes/syc-20351855
  2. Associazione americana per le malattie autoimmuni. (n.d.). Tiroidite di Hashimoto. https://www.aarda.org/diseaseinfo/hashimotos-thyroiditis/
  3. Associazione americana della tiroide. (n.d.). Tiroidite di Hashimoto (tiroidite linfocitica). https://www.thyroid.org/hashimotos-thyroiditis/
  4. Ufficio per la salute delle donne, Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. (2018). La malattia di Hashimoto. https://www.womenshealth.gov/a-z-topics/hashimotos-disease
  5. Istituto nazionale di diabete e malattie digestive e renali. (2017). La malattia di Hashimoto. https://www.niddk.nih.gov/health-information/endocrine-diseases/hashimotos-disease
  6. Desailloud, R., & Hober, D. (2009). Virus e tiroiditi: un aggiornamento. https://doi.org/10.1186/1743-422X-6-5
  7. Umar, H., Muallima, N., Adam, J. M. e Sanusi, H. (2010). La tiroidite di Hashimoto a seguito del morbo di Graves. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20305330/
  8. Fasano A. (2012). Perdita di intestino e malattie autoimmuni. https://doi.org/10.1007/s12016-011-8291-x
  9. Gruppo di lavoro ambientale. (n.d.). La legge sulla sicurezza dei prodotti per la cura personale migliorerebbe la sicurezza dei cosmetici. https://www.ewg.org/Personal-Care-Products-Safety-Act-Would-Improve-Cosmetics-Safety
  10. Chen, Q., Chen, O., Martins, I.M., Hou, H., Zhao, X., Blumberg, J. B. e Li, B. (2017). I peptidi di collagene migliorano la disfunzione della barriera epiteliale intestinale nei monostrati cellulari immunostimolatori Caco-2 migliorando le giunzioni strette. https://doi.org/10.1039/c6fo01347c
  11. Jung, C. M., Khalsa, S. B., Scheer, F. A., Cajochen, C., Lockley, S. W., Czeisler, C. A., & Wright, K. P., Jr (2010). Effetti acuti dell'esposizione alla luce intensa sui livelli di cortisolo. https://doi.org/10.1177/0748730410368413
  12. Mazziotti, G., Premawardhana, L.D., Parkes, A.B., Adams, H., Smyth, P.P., Smith, D.F., Kaluarachi, W.N., Wijeyaratne, C.N., Jayasinghe, A., de Silva, D.G. e Lazarus, J.H. (2003). Evoluzione dell'autoimmunità tiroidea durante la profilassi con iodio: l'esperienza dello Sri Lanka. https://eje.bioscientifica.com/view/journals/eje/149/2/103.xml
  13. Camargo, R.Y.A., Tomimori, E.K., Neves, S.C., Rubio, I.G.S., Galrao, A.L., Knobel, M. e Medeiros-Neto, G. (2008). Tiroide e ambiente: l'esposizione a un eccessivo iodio nutrizionale aumenta la prevalenza dei disturbi della tiroide a San Paolo, in Brasile. https://eje.bioscientifica.com/view/journals/eje/159/3/293.xml
  14. Chong, W., Shi, XG, Teng, WP, Sun, W., Jin, Y., Shan, ZY, Guan, HX, Li, YS, Gao, TS, Wang, WB, Chen, W. e Tong , YJ (2004). Analisi multifattoriale della relazione tra l'esposizione biologica allo iodio e l'ipotiroidismo. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15387978/
  15. Zois, C., Stavrou, I., Kalogera, C., Svarna, E., Dimoliatis, I., Seferiadis, K. e Tsatsoulis, A. (2003). Alta prevalenza di tiroidite autoimmune negli scolari dopo l'eliminazione della carenza di iodio nella Grecia nordoccidentale. https://doi.org/10.1089/105072503322021151
  16. Palaniappan, S., Shanmughavelu, L., Prasad, H. K., Subramaniam, S., Krishnamoorthy, N. e Lakkappa, L. (2017). Migliorare lo stato nutrizionale dello iodio e aumentare la prevalenza della tiroidite autoimmune nei bambini. https://doi.org/10.4103/2230-8210.195996
  17. Surks, M. I. e Sievert, R. (1995). Farmaci e funzione tiroidea. https://doi.org/10.1056/NEJM199512213332507
  18. Xu, J., Liu, X. L., Yang, X. F., Guo, H. L., Zhao, L. N. e Sun, X. F. (2011). Il selenio supplementare allevia gli effetti tossici dello iodio eccessivo sulla tiroide. https://doi.org/10.1007/s12011-010-8728-8