Il glucomannano ha molti benefici per la salute, ma è meglio conosciuto come un aiuto per la perdita di peso. È un componente importante di alcuni cibi della cucina asiatica, come gli spaghetti shirataki. Ho anche alcune ricette in loco che utilizzano questi noodles ricchi di fibre e a basso contenuto di carboidrati.

In questo post, approfondiremo cos'è il glucomannano e se vale davvero la pena averlo nella tua dispensa.

Cos'è il glucomannano?

Il glucomannano è un tipo di fibra solubile. Si trova nel konjac (igname di elefante), nelle pareti cellulari di lieviti e batteri e in poche altre specie di piante. Il glucomannano che mangiamo nella nostra dieta proviene principalmente dalla radice di konjac.

Sebbene non sia comunemente coltivato in questa parte del mondo, sta prendendo piede come alternativa alla pasta ricca di carboidrati (che potrebbe mancare di qualsiasi nutrimento sostanziale).

Come funziona il glucomannano?

I benefici per la salute del glucomannano derivano dalle sue proprietà espansive. Essendo una fibra solubile, può assorbire molta acqua e solidificarla in un gel. Ciò significa che può espandersi per riempire lo spazio nel nostro stomaco e aumentare la nostra sensazione di pienezza… che può tradursi in perdita di peso!

Benefici per la salute del glucomannano

Il glucomannano può aiutare con la perdita di peso:

  • Ridurre la grelina (ormone della fame)
  • Ridurre la resistenza all'insulina e alla leptina (nei diabetici di tipo II)
  • Normalizzazione della glicemia
  • Rallentare il movimento degli alimenti attraverso l'intestino
  • Aumentare i batteri benefici nell'intestino
  • Ridurre l'infiammazione

Una revisione di 14 studi clinici nel Giornale americano di nutrizione clinica scoperto che il glucomannano ha avuto un effetto sulla perdita di peso. Tuttavia, l'effetto del glucomannano sulla riduzione del peso è piuttosto lieve, pari a circa l'1% del peso corporeo del soggetto.

È possibile che questo sia dovuto al fatto che il glucomannano da solo potrebbe non essere un modo molto efficace per perdere peso. Tuttavia, se combinato con cambiamenti nella dieta e nello stile di vita, può essere molto efficace.

Se usato insieme ai cambiamenti nella dieta, il glucomannano è stato molto utile per la perdita di peso. In uno studio che ha coinvolto 160 soggetti in sovrappeso, l'uso di glucomannano ha contribuito ad aumentare la perdita di peso di circa il 50-80% in più rispetto al placebo.

Tuttavia, gli autori affermano che l'uso di fibre alimentari per la perdita di peso è in genere più forte inizialmente. Quindi diminuisce in circa 6 mesi.

Ma prima di fare scorta di spaghetti Shirataki…

Il mio approccio alla perdita di peso va ben oltre gli integratori. È molto più facile e salutare affrontare le cause profonde dell'eccesso di peso. Queste cause possono includere infiammazione, glicemia e squilibri ormonali. Semplicemente rinunciando ai cibi infiammatori e regolando l'assunzione di carboidrati, molti dei miei clienti sono stati in grado di perdere peso.

Il glucomannano può aiutare con la perdita di peso. Ma l'approccio migliore è usarlo in combinazione con altri cambiamenti nella dieta e nello stile di vita. Ciò contribuirà a produrre risultati duraturi.

I veri benefici del glucomannano sono nei modi in cui supporta altri aspetti della salute.

Riduce il colesterolo e normalizza la glicemia

Come fibra alimentare, il glucomannano può legarsi agli acidi biliari nell'intestino e portarli fuori dal corpo con le feci. Ciò richiede che il corpo utilizzi più colesterolo per produrre acidi biliari. Questo può aiutare a ridurre il colesterolo nel sangue e i grassi nel sangue.

Il glucomannano rallenta anche la velocità con cui gli alimenti si spostano dallo stomaco all'intestino. Questo aumenta la sazietà e rallenta l'assorbimento dei carboidrati. Può aiutare a normalizzare la glicemia e può aiutare con il diabete di tipo II.

Gli studi clinici dimostrano che il glucomannano può ridurre significativamente il colesterolo totale, il colesterolo LDL (cattivo), i trigliceridi e la glicemia a digiuno.

Nutre i batteri intestinali benefici

Non c'è dubbio che i nostri batteri intestinali siano molto importanti per la salute. Il glucomannano resiste alla digestione da parte dei nostri enzimi digestivi. Ma i nostri batteri intestinali possono fermentare la fibra solubile in acidi grassi a catena corta. A differenza di altri tipi di fibre (come l'inulina) il glucomannano non provoca tanto gas.

Ci sono molti benefici per la salute nell'alimentare i batteri intestinali buoni. Le specie benefiche come i bifidobatteri e i lattobacilli si nutrono bene degli acidi grassi a catena corta prodotti dal glucomannano.

Modula la funzione immunitaria

Nei ratti, l'uso di fibre alimentari ha un effetto equilibrante sul sistema immunitario intestinale. Questo può aiutare a ridurre l'infiammazione. I livelli sierici di IgE (anticorpi) sono significativamente più bassi nei ratti alimentati con glucomannano rispetto ad altri tipi di fibre alimentari. Potrebbe essere particolarmente utile per chi soffre di allergie, eczema e asma.

Nutrire i topi inclini all'eczema con glucomannano aiuta a ridurre l'infiammazione e prevenire l'insorgenza di eczema.

Promuove la salute dell'apparato digerente

Il glucomannano è ottimo per i batteri intestinali, ma è anche una fibra solubile che può assorbire molta acqua per il suo volume. Può aumentare le feci e accelerare il tempo di transito nell'intestino crasso. Questo aiuta a ridurre la stitichezza.

Essendo una fibra fermentabile, sembra produrre meno gas rispetto ad altri tipi di integratori di fibre. È anche meno probabile che produca gonfiore o altri effetti collaterali.

Riduce il rischio di cancro al colon?

Nei ratti nutriti con una dieta ricca di grassi e senza fibre, l'uso della fibra di konjac aiuta a ridurre i fattori di rischio per i tumori del colon. Aumenta i batteri benefici, i livelli di acidi grassi a catena corta e gli antiossidanti naturali nell'intestino.

Quelli con una dieta malsana possono avere successo usando il glucomannano per ulteriori benefici protettivi.

Rimuove tossine e micotossine dall'intestino

I maiali nutriti con cereali ammuffiti soffrono di problemi cerebrali e immunologici a causa delle micotossine nel grano. L'alimentazione di questi maiali con glucomannano può ridurre i livelli di micotossine. Questo riduce i suoi effetti negativi. Il glucomannano può offrire sollievo alle persone che soffrono di muffe tossiche negli edifici con danni causati dall'acqua.

Il metabolismo dell'ormone tiroideo nell'intestino controlla i livelli di ormone tiroideo. Nei pazienti ipertiroidei, l'uso del glucomannano (con i farmaci) riduce in modo più efficace i livelli di ormone tiroideo a livelli sani rispetto ai soli farmaci.

Tuttavia, non ci sono prove che il glucomannano possa ridurre i livelli di ormone tiroideo in soggetti sani o ipotiroidei. Gli autori di questo studio suggeriscono che il glucomannano funziona come la colestiramina, che è anche un farmaco in grado di rimuovere le micotossine dall'intestino.

Dai un'occhiata a questo episodio del podcast per imparare come ottenere una diagnosi corretta della tiroide.

Come prendere il glucomannano?

In molti studi scientifici, 1 grammo preso 3 volte al giorno sembra essere una dose iniziale generale.

Puoi consumare glucomannano come spaghetti shirataki (li ho scontati da Mercato prospero), blocchi shirataki o come prodotto alimentare.

Come supplemento, puoi prenderlo come una polvere o come capsule.

Potenziali pericoli del glucomannano

Il glucomannano assorbe molta acqua e si espande. Quindi è più sicuro consumare glucomannano dopo che si è sciolto e si è espanso in acqua. Per questo motivo, l'assunzione di glucomannano in polvere o come prodotto alimentare è una scelta migliore rispetto alle capsule.

Ci sono state alcune segnalazioni di ostruzione esofagea da ingestione di glucomannano senza acqua a sufficienza. Anche l'ostruzione dell'intestino può essere un problema. Dovresti sempre bere molta acqua se prendi integratori di glucomannano.

Alcune persone possono anche provare gonfiore e indigestione. Ciò è particolarmente vero se si soffre di crescita eccessiva batterica dell'intestino tenue. Prestare attenzione se in genere non si ingeriscono grandi dosi di fibra solubile. Se sei incline a problemi digestivi, è una buona idea iniziare con una dose bassa e aumentarla lentamente nel tempo.

Il glucomannano può interferire con l'assorbimento di determinati nutrienti o farmaci. Pertanto, è una buona idea prendere altri integratori alimentari e farmaci lontano dal glucomannano. Come sempre, parla con un operatore sanitario prima di iniziare a prendere integratori.

Altri usi per la radice di Konjac

Hai mai sentito parlare di una spugna di konjac? (E no, non lo mangi!) Dai un'occhiata a questo post per uno dei miei strumenti preferiti nella mia routine di cura della pelle naturale.

Hai provato gli spaghetti al glucomannano o allo shirataki? Fateci sapere la vostra esperienza nei commenti!

Fonti:
  1. Azezli, A.D., Bayraktaroglu, T., & Orhan, Y. (2007, dicembre). L'uso di konjac glucomannano per abbassare gli ormoni tiroidei sierici nell'ipertiroidismo. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18187431/
  2. Birketvedt, G. S., Shimshi, M., Erling, T., & Florholmen, J. (2005, gennaio). Esperienze con tre diversi integratori di fibre nella riduzione del peso. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15614200/
  3. Chearskul, S., Kriengsinyos, W., Kooptiwut, S. e Sangural, S. (2009, febbraio). Effetti immediati ea lungo termine del glucomannano su grelina totale e leptina nel diabete mellito di tipo 2. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19108925/
  4. Chen, H., Cheng, H., Liu, Y., Liu, S. e Wu, W. (2006, novembre/dicembre). Konjac agisce come un lassativo naturale aumentando la massa delle feci e migliorando l'ecologia del colon negli adulti sani. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17027233/
  5. Chiu, Y., & Stewart, M. (2012, febbraio). Confronto della digeribilità e della fermentabilità del glucomannano konjac con altre fibre alimentari in vitro. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22149628/
  6. McCarty, M.F. (2002, giugno). Il glucomannano riduce al minimo il picco di insulina postprandiale: un potenziale adiuvante per la terapia epatotermica. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12323114/
  7. Onishi, N., Kawamoto, S., Suzuki, H., Santo, H., Aki, T., Shigeta, S., . . . Ono, K. (2007). Il glucomannano konjac polverizzato nella dieta sopprime il comportamento di grattarsi e le risposte immunitarie infiammatorie della pelle nei topi NC/Nga. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17536217/
  8. Peng, Q., Wu, J., Soloway, R., Hu, T., Huang, W., Xu, Y., . . . Li, W. (1997, 01 gennaio). Fenomeni di precipitazione periodica e caotica nel sistema dei sali biliari legati alla formazione di calcoli biliari. Recuperato da https://www.semanticscholar.org/paper/Periodic-and-chaotic-precipitation-phenomena-in-to-Peng-Wu/aa380e046ca89c56768d755807fe0803a797b37f
  9. Sood, N., Baker, W. L. e Coleman, C. I. (2008, ottobre). Effetto del glucomannano sulle concentrazioni plasmatiche di lipidi e glucosio, peso corporeo e pressione sanguigna: revisione sistematica e meta-analisi. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18842808/
  10. Swamy, H.V. et al (2002, dicembre). Effetti dell'alimentazione di una miscela di cereali naturalmente contaminati con micotossine Fusarium sulle prestazioni dei suini, sulla neurochimica regionale del cervello e sulla chimica del siero e sull'efficacia di un adsorbente polimerico di micotossine glucomannano. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12542167/
  11. Vanderbeek, P. B., Fasano, C., O'Malley, G. e Hornstein, J. (2007). Ostruzione esofagea da farmacobezoario igroscopico contenente glucomannano. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17357389/
  12. Vuksan, V., Sievenpiper, J. L., Owen, R., Swilley, J. A., Spadafora, P., Jenkins, D. J., . . . Novokmet, R. (2000, gennaio). Effetti benefici della fibra alimentare viscosa di Konjac-mannano in soggetti con sindrome da insulino-resistenza: risultati di uno studio metabolico controllato. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10857960/
  13. Wu, W. T., Yang, L. C. e Chen, H. L. (2013, ottobre). Effetti protettivi del glucomannano konjac naturale e parzialmente degradato sui bifidobatteri contro i danni degli antibiotici. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29253985/
  14. Wu, W. e Chen, H. (2011, 9 febbraio). Effetti del glucomannano konjac sui presunti fattori di rischio per la carcinogenesi del colon nei ratti alimentati con una dieta ricca di grassi. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21208006/