La soia è un alimento controverso. Negli ultimi tempi molte persone mi hanno chiesto informazioni su varie forme di soia e se è davvero salutare o meno.

Da un lato, alcuni esperti dicono che ha numerosi benefici per la salute di ormoni e colesterolo, oltre ad essere una fonte vegana di proteine ​​e fibre.

D'altra parte, gli esperti dicono che è un alimento allergenico che è spesso geneticamente modificato. Può anche causare problemi alla tiroide.

Allora chi ha ragione?

Questo post esplorerà cos'è la soia, i diversi tipi di cibo in cui si trova la soia e come potrebbe influire sulla salute.

Cos'è la soia?

La soia è un legume, nella famiglia dei fagioli, ed è spesso usata come fonte vegetale di proteine ​​e fibre. Dalla soia cruda si ricavano numerosi prodotti. I cibi a base di soia comuni includono:

  • Olio di soia
  • Farina di soia (per alimentazione animale)
  • Latte di soia
  • Farina di soia
  • Proteine ​​di soia
  • tofu
  • Salsa di soia o tamari
  • Tempeh
  • Miso
  • Edamame (semi di soia interi)

La soia è tradizionalmente consumata in alcune culture asiatiche, ma è anche un alimento base dell'industria agricola statunitense. Secondo l'USDA, il 94% della soia coltivata negli Stati Uniti è biotech (geneticamente modificata). La maggior parte della soia prodotta negli Stati Uniti è destinata all'alimentazione animale, ma un volume elevato – 43 milioni di tonnellate – viene esportato in altri paesi, con la Cina che è il maggior consumatore.

La soia si trova anche in molti alimenti trasformati. La soia è uno dei "primi otto" allergeni alimentari e deve essere dichiarata sulle etichette se i prodotti contengono soia.

Anche se non mangi apertamente prodotti a base di soia, può essere trovato negli alimenti con i seguenti ingredienti elencati sulle etichette:

  • Lecitina di soia
  • Concentrato di proteine ​​di soia
  • Proteine ​​vegetali testurizzate
  • Isolato di proteine ​​di soia
  • Proteina vegetale idrolizzata
  • Olio vegetale
  • Qualsiasi altra frase contenente la parola soia

Ci sono benefici per la salute della soia?

La soia contiene isoflavoni, composti che danno alla soia i suoi presunti benefici. Gli isoflavoni di soia sono sostanze fitochimiche associate a effetti positivi sui fattori di rischio di cancro al seno, malattie cardiache, cancro alla prostata e pressione sanguigna. Tuttavia, non tutte le ricerche sono d'accordo.

Uno dei motivi che alcuni esperti usano come prova dei benefici della soia è la frequenza con cui la soia viene consumata nelle culture asiatiche tradizionali. Il presupposto è che, poiché molte culture asiatiche hanno la longevità e non hanno l'epidemia di obesità, come facciamo in America, ciò deve essere dovuto alla soia.

Tuttavia, la soia da sola non è responsabile di queste differenze di salute. Considera, ad esempio, quanto spesso le culture asiatiche tradizionali mangiano anche quantità maggiori di alghe e frutti di mare rispetto alle diete americane tradizionali. Questi alimenti contengono anche notevoli benefici per la salute e sono spesso consumati in quantità maggiori rispetto ai cibi a base di soia.

Se leggi studi e ricerche condotte sulla soia, a volte scoprirai che quelli che mostrano effetti apertamente positivi hanno un conflitto di interessi. Questa recensione del 2016 in Nutrienti, per esempio, è stato finanziato dalla European Soy and Plant-Based Foods Manufacturers Association. Ovviamente coloro che hanno un interesse finanziario nella vendita di soia diranno che è salutare!

Un altro fattore è che molte delle ricerche condotte sui benefici della soia sono studi sugli animali, quindi i benefici non sono necessariamente trasferibili all'uomo. I benefici per l'uomo dal consumo di soia sono ancora ampiamente sconosciuti a causa della ricerca sugli animali e del bias di finanziamento della ricerca. È necessario condurre più studi sull'uomo, senza conflitti di interesse, per comprendere veramente i potenziali alti e bassi dell'assunzione di soia.

Detto questo, la soia non è del tutto cattiva. Una revisione del 2020 in formato Antiossidanti presenta una ricerca che rileva il potenziale di effetti benefici sulla salute come l'abbassamento del colesterolo LDL e la riduzione della mortalità per cancro, senza essere finanziata dall'industria alimentare a base di soia.

Tuttavia, la domanda è: i benefici della soia superano i potenziali rischi derivanti dal suo consumo?

Pericoli del consumo di soia

Sebbene la soia possa avere alcuni benefici per la salute, ci sono alcuni seri rischi da considerare.

Antinutrienti

Gli antinutrienti sono composti presenti nei legumi e nei cereali che cambiano il modo in cui l'intestino è in grado di assorbire alcuni nutrienti, come i minerali. Possono anche influenzare il rivestimento intestinale e l'infiammazione. Gli antinutrienti si trovano nella soia, nei fagioli e in altri legumi, oltre che nei cereali e in alcune noci.

Mangiare un volume elevato di cibi a base di soia non fermentata potrebbe causare problemi intestinali, irritazione e problemi di assorbimento di alcuni minerali e vitamine.

La soia non è l'alimento base nelle culture asiatiche che alcuni americani presumono. Sebbene sia tradizionalmente consumato, è spesso usato come condimento in piccole quantità. Quando la soia viene consumata, viene spesso fermentata, il che riduce al minimo gli anti-nutrienti contenuti nella soia.

La soia è spesso promossa come alimento alternativo per coloro che soffrono di celiachia o sono intolleranti al glutine, ma gli antinutrienti contenuti nella soia – lectine e fitati – possono interferire con la salute dell'intestino e comunque causare problemi. Le lectine sono proteine ​​presenti nei fagioli e in altri alimenti simili e, a differenza di alcuni antinutrienti, la cottura o la fermentazione non le disattivano. Chiunque abbia a che fare con infiammazioni, permeabilità intestinale o problemi intestinali può essere suscettibile agli effetti negativi delle lectine.

Goitrogens

Un altro composto problematico, i goitrogeni sono sostanze che possono interferire con la funzione tiroidea. Possono bloccare il modo in cui la tiroide assorbe lo iodio, con conseguente diminuzione della produzione e conversione dell'ormone tiroideo.

L'ipotiroidismo è una delle condizioni di salute più comuni, in cui i livelli di ormone tiroideo sono troppo bassi. Mentre Hashimoto, una malattia autoimmune, è la principale causa di ipotiroidismo in America, l'infiammazione e i problemi di salute intestinale sono strettamente correlati. Gli antinutrienti presenti negli alimenti a base di soia possono avere un impatto negativo sulla ghiandola tiroidea in molti modi.

Una formula alternativa comune per i bambini con allergie è a base di soia, ma questo è problematico per molte ragioni. Uno studio comparativo del 1990 del Giornale dell'American College of Nutrition ha scoperto che i bambini nutriti con latte artificiale di soia avevano una maggiore incidenza di sviluppare malattie della tiroide autoimmuni. Sebbene questa ricerca sia considerata vecchia per gli standard odierni, una ricerca più recente del 2004 – una revisione sistematica del database Cochrane – ha rilevato che la formula di soia non dovrebbe essere somministrata ai bambini ad alto rischio di allergia o intolleranza alimentare.

Si scopre che le proteine ​​della soia influenzano così tanto l'intestino che possono prendere bambini che attualmente non hanno allergie alimentari e causare cambiamenti infiammatori che li causano. Mentre altri cibi contengono goitrogeni, come broccoli e cavoli, la cottura li disattiva. Nessuna quantità di cottura o fermentazione disattiva i goitrogeni nella soia.

Fitoestrogeni

La soia contiene fitoestrogeni. Questi composti imitano gli ormoni estrogeni naturali del corpo umano. Alcuni esperti dicono che questi effetti sulla salute della soia sono una buona cosa, aiutando le donne in perimenopausa e menopausa a sperimentare meno vampate di calore mentre interagiscono con i recettori degli estrogeni.

Se pensi al modo in cui la soia può avere un effetto simile agli estrogeni sulle donne, la preoccupazione è che potrebbe fare la stessa cosa agli uomini o ai bambini. Mentre molti studi dimostrano che la soia è sicura e solo raramente porta a effetti "femminilizzanti" negli esseri umani, è stato dimostrato più ampiamente di farlo negli animali. Un articolo di Scienza medica tedesca nel 2014 ha osservato che gli animali nutriti con soia possono sperimentare una ridotta fertilità, uno sviluppo sessuale stentato e cambiamenti comportamentali.

Anche se la soia è in gran parte sicura per gli esseri umani – e di nuovo, molti degli studi condotti sono stati parziali – il fatto che esista il rischio di squilibrio del testosterone, infertilità, femminilizzazione e cambiamenti dello sperma negli uomini è preoccupante. Anche se alcune ricerche, come accennato in precedenza, dicono che può aiutare le donne con cambiamenti ormonali, può anche potenzialmente causare problemi con la funzione ovarica e persino il cancro.

Questi rischi valgono davvero piccoli benefici potenziali, quando ci sono così tanti altri cibi integrali che possono ridurre il rischio di problemi di salute?

La mia opinione: non hai bisogno della soia per avere una dieta nutriente.

Preoccupazioni ambientali

La soia non è ottima per gli esseri umani e nemmeno per gli animali. Anche la produzione di soia è dannosa per l'ambiente. La maggior parte dei semi di soia oggi, almeno il 94% di essi, sono geneticamente modificati (OGM) per essere resistenti ai pesticidi.

Non ci sono molte prove sul glifosato (il pesticida applicato oggi nella maggior parte delle colture convenzionali) e su come influisce sulla salute umana. Ciò è in parte dovuto al fatto che un sacco di soldi provenienti dalle lobby del settore agricolo alimentare servono a prevenire qualsiasi tipo di restrizione su come il glifosato può o non può essere utilizzato. Detto ciò, alcuni scienziati sono preoccupati per questo, sebbene siano necessarie ulteriori prove per presentare un quadro completamente imparziale e basato sull'evidenza.

Anche se ignori potenziali preoccupazioni specifiche sul glifosato, il fatto che i prodotti a base di soia siano pesantemente trattati con pesticidi è già abbastanza preoccupante per me. Questo da solo significa che ci sono preoccupazioni per la salute intestinale sia degli esseri umani che degli animali da foraggio che mangiano mangimi a base di soia.

Le colture di soia sono anche dannose per il suolo, poiché lo spogliano dei nutrienti. Gli alimenti ottengono nutrienti dal suolo ricco di azoto. Quando il suolo è già stato impoverito, le colture coltivate, anche quelle biologiche, saranno meno ricche dal punto di vista nutritivo.

Dovresti evitare i prodotti a base di soia?

Non sono qui per dirti cosa fare. Tutti devono prendere la decisione giusta per la loro salute e la loro famiglia, ma io non mangio soia. Non nutro la soia dei miei figli. Non siamo allergici, sembra che non ci siano benefici per noi. E c'è sicuramente un rischio.

Se hai intenzione di mangiare prodotti a base di soia perché non sei allergico o intollerante o perché segui una dieta vegana, assicurati di mangiare solo soia fermentata. I cibi a base di soia tradizionalmente fermentati, come il miso e il tempeh, creano meno problemi per la salute. Il processo di fermentazione aiuta a disattivare gli antinutrienti che possono causare problemi intestinali, sebbene non li rimuova tutti. I prodotti a base di soia dovrebbero comunque essere consumati con moderazione anche se sono biologici e fermentati.

La soia non fornisce nemmeno una forma completa di proteine, contenente tutti gli amminoacidi essenziali. Se lo stai usando come fonte proteica, considera che dovrai anche accoppiarlo attentamente con altre fonti vegane per assicurarti di non perdere aminoacidi cruciali.

In definitiva, i prodotti a base di soia sembrano offrire più motivo di preoccupazione che benefici.

Questo articolo è stato rivisto dal punto di vista medico da Dr. Scott Soerries, MD, Medico di famiglia e direttore medico di SteadyMD. Come sempre, questo non è un consiglio medico personale e ti consigliamo di parlare con il tuo medico.

Quali sono i tuoi pensieri? Consumi soia? Hai in passato? Dimmi di seguito!

Fonti:

  1. Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti. (2015). Schede informative sulla coesistenza dell'USDA: semi di soia. https://www.usda.gov/sites/default/files/documents/coexistence-soybeans-factsheet.pdf
  2. Messina M. (2016). Aggiornamento sulla soia e sulla salute: valutazione della letteratura clinica ed epidemiologica. Nutrienti, 8 (12), 754. https://www.mdpi.com/2072-6643/8/12/754
  3. Rizzo G. (2020). Il ruolo antiossidante della soia e dei cibi a base di soia nella salute umana. Antiossidanti (Basilea, Svizzera), 9 (7), 635. https://www.mdpi.com/2076-3921/9/7/635
  4. Galán, M. G. e Drago, S. R. (2014). Effetti delle proteine ​​della soia e dei livelli di calcio sulla bioaccessibilità dei minerali e sulla digeribilità delle proteine ​​da formule enterali. Alimenti vegetali per l'alimentazione umana (Dordrecht, Paesi Bassi), 69 (3), 283–289. https://link.springer.com/article/10.1007/s11130-014-0432-y
  5. Panacer, K., & Whorwell, P. J. (2019). Esclusione della lectina alimentare: la prossima grande tendenza alimentare ?. Giornale mondiale di gastroenterologia, 25 (24), 2973-2976. https://www.wjgnet.com/1007-9327/full/v25/i24/2973.htm
  6. Fort, P., Moses, N., Fasano, M., Goldberg, T. e Lifshitz, F. (1990). Allattamento al seno e latte artificiale di soia nella prima infanzia e prevalenza di malattie autoimmuni della tiroide nei bambini. Journal of the American College of Nutrition, 9 (2), 164-167. https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/07315724.1990.10720366
  7. Osborn, D.A. e Sinn, J. (2004). Formula di soia per la prevenzione di allergie e intolleranze alimentari nei lattanti. Il database Cochrane delle revisioni sistematiche, (3), CD003741. https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD003741.pub2/full
  8. Ahsan, M. e Mallick, A. K. (2017). L'effetto degli isoflavoni di soia sul punteggio della scala di valutazione della menopausa nelle donne in perimenopausa e postmenopausa: uno studio pilota. Giornale di ricerca clinica e diagnostica: JCDR, 11 (9), FC13 – FC16. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29207728/
  9. Jargin S. V. (2014). Soia e fitoestrogeni: possibili effetti collaterali. Scienza medica tedesca: GMS e-journal, 12, Doc18. https://www.egms.de/static/en/journals/gms/2014-12/000203.shtml
  10. Chavarro, J. E., Toth, T. L., Sadio, S. M., & Hauser, R. (2008). Cibo a base di soia e assunzione di isoflavoni in relazione ai parametri di qualità dello sperma tra gli uomini di una clinica per l'infertilità. Riproduzione umana (Oxford, Inghilterra), 23 (11), 2584-2590. https://academic.oup.com/humrep/article/23/11/2584/2913898
  11. Jefferson W. N. (2010). La funzione ovarica adulta può essere influenzata da alti livelli di soia. The Journal of Nutrition, 140 (12), 2322S-2325S. https://academic.oup.com/jn/article/140/12/2322S/4630735
  12. Gillezeau, C., van Gerwen, M., Shaffer, R. M., Rana, I., Zhang, L., Sheppard, L. e Taioli, E. (2019). Le prove dell'esposizione umana al glifosato: una revisione. Salute ambientale: una fonte scientifica di accesso globale, 18 (1), 2. https://ehjournal.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12940-018-0435-5
  13. Mesnage, R., & Antoniou, M. N. (2017). Fatti e errori nel dibattito sulla tossicità del glifosato. Frontiere della sanità pubblica, 5, 316. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpubh.2017.00316/full