Integratori naturali e rimedi olistici che offrono comprovati benefici per la salute sono grandi nella mia casa. Uno che tengo sempre a portata di mano è l'argento colloidale. Questo integratore a volte controverso è stato utilizzato prima che esistessero antibiotici per le infezioni batteriche e per supportare il sistema immunitario.

I prodotti a base di argento colloidale sono ancora spesso usati oggi e molti esperti di salute olistica affermano che è una panacea altamente benefica. Il rovescio della medaglia, la Food and Drug Administration (FDA) non ha approvato l'uso dell'argento colloidale per scopi sanitari, e anche altri esperti sanitari come i medici della Mayo Clinic non credono che sia sicuro.

Nonostante ciò, con l'aumento della resistenza agli antibiotici, l'argento sta tornando come potente antimicrobico ad ampio spettro. Molti giurano sull'argento colloidale per qualsiasi cosa, dagli occhi rosa alle infezioni alle orecchie.

Quindi l'argento colloidale è davvero un rimedio naturale sicuro e utile?

Cos'è l'argento colloidale?

L'argento colloidale viene prodotto quando le nanoparticelle d'argento vengono sintetizzate e sospese in una soluzione di zuccheri semplici e ammoniaca. Queste particelle sono così piccole che non sono visibili all'occhio e possono essere piccole quanto un decimillesimo della larghezza di un capello umano. È estremamente piccolo!

La medicina moderna fa ancora affidamento sull'argento per i benefici antibatterici:

  • Molte aziende mediche rivestono i propri dispositivi con argento per evitare biofilm batterici.
  • Gli ospedali trattano i neonati con gocce di nitrato d'argento per prevenire le infezioni agli occhi da gonorrea.
  • Le soluzioni d'argento o le garze sono usate per aiutare a trattare le ferite da ustione.

L'argento colloidale è generalmente considerato sicuro da usare, ma è importante essere informati su ciò che dicono gli studi in merito alla sua sicurezza ed efficacia e se un uso eccessivo può danneggiare noi o l'ambiente.

La dimensione delle particelle di argento colloidale è la cosa più importante che determina se hanno benefici per la salute o meno, con particelle più piccole e concentrazioni inferiori che sono più efficaci contro i dannosi batteri resistenti agli antibiotici.

Come funziona l'argento colloidale?

Gli scienziati hanno osservato che l'argento uccide i germi, ma ancora non capiscono completamente come. La mancanza di una forte evidenza scientifica significa che l'uso dell'argento colloidale è ancora piuttosto controverso.

L'idea generale è che le nanoparticelle d'argento si leghino alle pareti cellulari dei batteri. Una frazione di queste nanoparticelle può reagire a sostanze nel corpo o nell'ambiente e diventare sale d'argento, che è antimicrobico.

Sebbene la maggior parte dell'argento colloidale sia costituito da sali d'argento, sono cose diverse. I sali d'argento sono molto più tossici sia per gli esseri umani che per i batteri dell'argento colloidale. I sali d'argento hanno una carica positiva che lega le proteine, causa danni al DNA e interrompe i processi respiratori nei batteri. Le nanoparticelle d'argento possono essere neutre o caricate negativamente, a seconda di come vengono sintetizzate.

Gli ioni d'argento hanno maggiori probabilità di causare tossicità da argento o argiria negli esseri umani rispetto alla versione colloidale. Tuttavia, poiché una frazione di argento colloidale può diventare sale d'argento, il consumo eccessivo di argento colloidale può ancora causare tossicità dell'argento se assunto a dosi molto elevate.

Poiché è potente, è importante fare attenzione quando si utilizza questo integratore.

Vantaggi dell'argento colloidale

L'argento è un metallo e un elemento non essenziale nel corpo. È molto più sicuro per un corpo umano rispetto ad altri metalli pesanti come piombo e mercurio. Possiamo accumulare molto più argento nel nostro corpo prima che diventi tossico.

La ricerca suggerisce che l'argento colloidale funziona per:

  • Uccidere e prevenire la crescita batterica, compresi i batteri resistenti agli antibiotici.
  • Trattare le infezioni da ustioni come antimicrobico topico
  • Uccidere alcuni ceppi di lieviti patogeni, tra cui Candida e Cryptococcus
  • Impedire a determinati virus, come l'HIV / AIDS e l'RSV, di entrare nelle cellule umane
  • Riduzione dell'infiammazione da dermatite da contatto ed eruzioni cutanee irritanti negli studi sugli animali
  • Distruggere il biofilm batterico (uno scudo viscido che consente ai batteri di nascondersi dagli antibiotici) nelle infezioni del seno nelle pecore
  • Essere tossici per alcune cellule tumorali
  • Combatte efficacemente i batteri che possono causare diarrea mortale (Vibrio cholera e un pericoloso ceppo di E. coli).
  • Combattere le infezioni fungine sulla pelle.

Una nota su batteri, virus e lieviti

Ad oggi, tutti gli studi che testano gli effetti dell'argento colloidale con i batteri hanno scoperto che è efficace. Ci sono recensioni contrastanti quando si tratta di lieviti e virus.

Uno studio completo condotto da medici naturopati in Giornale di medicina alternativa e complementare ha scoperto che è efficace solo contro alcuni ceppi di lieviti ma non altri. Lo stesso studio ha scoperto che l'argento colloidale non è efficace contro i virus.

Un altro studio in vitro nel Journal of Wound Care ha testato 3 diversi marchi di mercato e non ha riscontrato alcuna efficacia.

L'argento colloidale è un potente antimicrobico. Tuttavia, la sua efficacia come antivirale o antifungino può variare a seconda della particolare infezione e della qualità del prodotto stesso.

L'argento colloidale è sicuro?

I rimedi naturali sono allettanti, ma la sicurezza è una questione importante.

Non sono stati condotti ampi studi sugli esseri umani per esaminare veramente se l'argento colloidale è sicuro o efficace. La maggior parte dei test viene eseguita in vitro, il che significa che vengono eseguiti in provette o piastre di Petri. Ciò consente ai ricercatori di capire come si comporta in situazioni isolate. Ma il corpo umano non è isolato e avere una comprensione dell'intero corpo è diverso dagli studi in vitro.

Un corpo umano è molto più complesso di una capsula di Petri! Solo perché qualcosa uccide i germi in una capsula di Petri non significa che dovremmo prenderlo per prevenire o curare un'infezione. Dobbiamo ancora capire in che modo l'argento influisce sul resto del corpo e se può viaggiare dove ne abbiamo più bisogno se preso internamente. Sono necessari ulteriori studi per capire come funziona nel nostro corpo (in vivo).

Con le prove che abbiamo, tuttavia, possiamo trarre alcune conclusioni:

Cambiamenti intestinali

Come con molti integratori, l'argento colloidale può influenzare altre parti del corpo che vanno oltre il motivo per cui viene assunto. Due studi sugli animali hanno esaminato in modo indipendente come l'equilibrio dei batteri intestinali di topi e ratti fosse influenzato dall'alimentazione con argento colloidale. I risultati hanno riscontrato un'interruzione nella flora intestinale.

Un altro studio che ha esaminato il tessuto digestivo dopo l'ingestione di argento colloidale ha scoperto che può danneggiare le cellule intestinali. Ancora uno studio più recente in Nanotossicologia che hanno esaminato i topi non hanno riscontrato cambiamenti nei batteri intestinali o nella struttura cellulare.

Quindi, ci sono recensioni contrastanti.

Inoltre non è noto quanto sia efficace l'argento colloidale al di fuori dell'intestino, in altre parti del corpo. Quando l'argento colloidale viene assunto internamente, l'intestino tenue può assorbire circa il 10-18% delle nanoparticelle d'argento nel flusso sanguigno. Le restanti nanoparticelle d'argento passano attraverso l'intestino.

Nel sangue, le nanoparticelle si legano a una proteina chiamata albumina mentre viene trasportata nel corpo. Le proteine ​​d'argento sono molto meno efficaci contro i germi rispetto al solo argento, quindi non sappiamo davvero come si comporta in tutto il corpo.

Scolorimento della pelle (argiria)

È possibile che si accumuli troppo argento nel corpo. Questa condizione è chiamata argiria o argilosi, dove l'argento si accumula nei tessuti e rende la persona blu o grigia … in modo permanente! Quando ciò accade, l'argento di solito non causa problemi di salute in altri modi, anche se può essere traumatico avere la pelle scolorita.

Antibiotici

L'argento colloidale potrebbe sembrare un'opzione promettente rispetto agli antibiotici, ma ha ancora alcuni degli effetti collaterali degli antibiotici. Per questo motivo, ho sempre esercitato cautela e non l'ho usato eccessivamente, poiché le prove dimostrano che può essere dannoso se usato regolarmente o per un lungo periodo di tempo.

I batteri intestinali possono anche diventare resistenti all'argento colloidale, proprio come con gli antibiotici. Ciò è particolarmente vero quando è stato utilizzato per diverse generazioni.

Problemi ambientali

Le nanoparticelle d'argento causano alcune preoccupazioni ambientali. Attualmente, le nanoparticelle d'argento sono presenti nel ambiente a concentrazioni che sono circa mille volte la dose che sarebbe tossica per i pesci e altri animali marini.

Le nanoparticelle d'argento si trovano anche nei fanghi di depurazione utilizzati nelle discariche. Ciò presenta il rischio che venga riassorbito nell'approvvigionamento alimentare. Sebbene sia in qualche modo noto come l'argento colloidale influenzi i batteri intestinali umani, non è ancora del tutto chiaro come influenzi la salute di batteri, lieviti e altri microrganismi nell'ambiente.

Poiché la salute del nostro suolo è strettamente legata alla salute dell'intestino, dobbiamo stare attenti a non rovinarla.

Gravidanza

Lo streptococco di gruppo B (GBS) è un batterio che si trova comunemente nell'uomo, ma durante la gravidanza può rappresentare il rischio di infezione per il bambino durante il processo di parto. Gli antibiotici vengono somministrati per prevenire complicazioni. Le madri che vogliono evitare gli antibiotici potrebbero chiedersi se l'argento colloidale sia un'alternativa sicura.

L'argento colloidale non è stato studiato specificamente per GBS o in generale per la gravidanza. Poiché può essere tossico e poiché gli integratori in gravidanza possono avere effetti sconosciuti sul bambino in via di sviluppo, è importante non utilizzare integratori per auto-medicare durante la gravidanza, sia internamente che per via topica.

Precauzioni per l'argento colloidale

L'argento colloidale è un rimedio naturale utilizzato da migliaia di anni. Ciò significa che dovrebbe essere utilizzato ancora oggi? C'è motivo di stare attenti a usarlo.

  • L'argento colloidale è commercializzato come integratore alimentare ed è relativamente non regolamentato. Solo il produttore è responsabile della sicurezza e dell'efficacia dei propri prodotti. Un test casuale di prodotti in argento colloidale in vendita ne ha trovati molti che erano inefficaci o addirittura contaminati da batteri. Che schifo!
  • Sebbene l'argento colloidale possa essere sicuro ed efficace se usato esternamente o quando si prendono di mira gli agenti patogeni nell'intestino, può anche avere conseguenze indesiderate. Poiché l'argento colloidale ha alcuni effetti collaterali, la ricerca suggerisce di usarlo con attenzione piuttosto che liberamente.
  • L'argento colloidale può alterare o migliorare gli effetti o gli effetti collaterali di alcuni farmaci. Verificare sempre con il proprio medico prima di avviarlo o usarlo insieme a qualsiasi altra cosa.

Come discusso sopra, l'uso più sicuro basato sugli studi è l'applicazione esterna alle ferite e come risciacquo del seno.

Prodotti d'argento colloidale

Se scegli di acquistare argento colloidale, è importante assicurarti di ottenere un prodotto puro. Gli ingredienti dell'argento colloidale dovrebbero includere solo argento e acqua. Non dovrebbe esserci nient'altro in esso.

Quando scegli il tuo prodotto, vuoi anche tenere a mente la dimensione delle particelle. Questo si riferisce a quanto sono grandi (o piccole) le nanoparticelle d'argento. La concentrazione di particelle per unità di acqua è elencata in parti per milione o PPM. Fondamentalmente, quante particelle d'argento vengono raccolte per porzione d'acqua.

Quando stai cercando di acquistare argento colloidale, un PPM più alto non è migliore. Gli integratori sono considerati più sicuri quando sono compresi tra 10 e 20 PPM. L'assunzione di una quantità eccessiva di argento colloidale può risultare tossica o avere altre complicazioni, come l'ingrigimento della pelle.

Se scegli di utilizzare l'argento colloidale, assicurati di acquistare da un marchio rispettabile. Ce ne sono molti disponibili, ma questo è il marchio che tengo a portata di mano per uso esterno e come risciacquo del seno.

Come usare l'argento colloidale

Sebbene abbiamo coperto alcune preoccupazioni, ci sono molti modi per utilizzare l'argento colloidale in modo sicuro come parte del tuo armadietto dei medicinali naturali.

Scopri i modi in cui puoi usare l'argento colloidale:

  • Risciacquo nasale: Aggiungi alcune gocce all'acqua distillata (non unire al sale!) E usa la tua pentola neti come al solito per sciacquare la cavità del seno.
  • Infezioni dell'orecchio: Usa 2-3 gocce nell'orecchio, alcune volte al giorno, fino a quando i sintomi non si attenuano.
  • Occhio rosa: Aggiungere 2-3 gocce direttamente nell'occhio infetto, 3-4 volte al giorno o fino alla scomparsa dei sintomi.
  • Fungo o tigna della pelle: Tratta le infezioni della pelle a chiazze con poche gocce applicate direttamente 2-3 volte al giorno. Lascia asciugare sulla pelle per ottenere il massimo effetto.
  • Infezioni dell'unghia del piede: Aggiungi 2-3 gocce sulla parte superiore dell'unghia infetta. Utilizzare 3-4 volte al giorno finché i sintomi non si risolvono.
  • Disinfettante di primo soccorso: Usa come faresti con altre creme antibatteriche per piccoli tagli, graffi o punture di insetti.
  • Acne: Aggiungi 1-2 gocce agli sfoghi di acne 3-4 volte al giorno.
  • Gengivite: Aggiungere 1 cucchiaino da tè all'acqua purificata e frullare in bocca, 2-3 volte al giorno.

Questo articolo è stato rivisto dal punto di vista medico da Dr. Scott Soerries, MD, Medico di famiglia e direttore medico di SteadyMD. Come sempre, questo non è un consiglio medico personale e ti consigliamo di parlare con il tuo medico.

Qual è la tua esperienza con l'argento colloidale? Si prega di condividere nei commenti qui sotto.

argento colloidale infografica

Fonti:

  1. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa. (2017). Argento colloidale. https://www.nccih.nih.gov/health/colloidal-silver
  2. Bauer, B.A. (2017). Argento colloidale: è sicuro? https://www.mayoclinic.org/healthy-lifestyle/consumer-health/expert-answers/colloidal-silver/faq-20058061
  3. Alexander, J.W. (2009). Storia dell'uso medico dell'argento. https://www.liebertpub.com/doi/abs/10.1089/sur.2008.9941
  4. Mijnendonckx, K., Leys, N., Mahillon, J., Silver, S. e Van Houdt, R. (2013). Argento antimicrobico: usi, tossicità e potenziale di resistenza. https://doi.org/10.1007/s10534-013-9645-z
  5. Zhang, X. F., Liu, Z. G., Shen, W. e Gurunathan, S. (2016). Nanoparticelle d'argento: sintesi, caratterizzazione, proprietà, applicazioni e approcci terapeutici. https://doi.org/10.3390/ijms17091534
  6. Panacek, A., Kvitek, L., Prucek, R., Kolar, M., Vecerova, R., Pizurova, N., Sharma, V.K., Nevecna, T. e Zboril, R. (2006). Nanoparticelle colloidali d'argento: sintesi, caratterizzazione e loro attività antibatterica. https://doi.org/10.1021/jp063826h
  7. Wiemken, T. L., Kelley, R. R., Carrico, R. M., Binford, L. E., Guinn, B. E., Mattingly, W. A., Peyrani, P., & Ramirez, J. A. (2015). Efficacia di un nuovo antisettico cutaneo contro Enterobacteriaceae resistenti ai carbapenemi. https://doi.org/10.1016/j.ajic.2014.12.007
  8. Huang, L., Dai, T., Xuan, Y., Tegos, G. P. e Hamblin, M. R. (2011). Combinazione sinergica di chitosano acetato con nanoparticelle d'argento come antimicrobico topico: efficacia contro le ustioni batteriche. https://doi.org/10.1128/AAC.01803-10
  9. Morrill, K., May, K., Leek, D., Langland, N., Jeane, LD, Ventura, J., Skubisz, C., Scherer, S., Lopez, E., Crocker, E., Peters , R., Oertle, J., Nguyen, K., Just, S., Orian, M., Humphrey, M., Payne, D., Jacobs, B., Waters, R., & Langland, J. ( 2013). Spettro di attività antimicrobica associata all'argento colloidale ionico. https://doi.org/10.1089/acm.2011.0681
  10. Rai, M., Deshmukh, S.D., Ingle, A.P., Gupta, I.R., Galdiero, M. e Galdiero, S. (2013). Nanoparticelle di metallo: il nanoschermo protettivo contro l'infezione da virus. https://doi.org/10.3109/1040841X.2013.879849
  11. Bhol, K. C., & Schechter, P. J. (2005). La crema d'argento nanocristallina topica sopprime le citochine infiammatorie e induce l'apoptosi delle cellule infiammatorie in un modello murino di dermatite allergica da contatto. https://doi.org/10.1111/j.1365-2133.2005.06575.x
  12. Nadworny, P. L., Wang, J., Tredget, E. E. e Burrell, R. E. (2008). Attività antinfiammatoria dell'argento nanocristallino in un modello di dermatite da contatto suina. https://doi.org/10.1016/j.nano.2008.04.006
  13. Rajiv, S., Drilling, A., Bassiouni, A., James, C., Vreugde, S., & Wormald, P. J. (2015). Argento colloidale topico come agente anti-biofilm in un modello di pecora con rinosinusite cronica da Staphylococcus aureus. https://doi.org/10.1002/alr.21459
  14. Juarez-Moreno, K., Gonzalez, EB, Girón-Vazquez, N., Chávez-Santoscoy, RA, Mota-Morales, JD, Perez-Mozqueda, LL, Garcia-Garcia, MR, Pestryakov, A., & Bogdanchikova, N. (2017). Confronto degli effetti di citotossicità e genotossicità delle nanoparticelle d'argento sulla cervice umana e sulle linee cellulari di cancro al seno. https://doi.org/10.1177/0960327116675206
  15. Salem, W., Leitner, D. R., Zingl, F. G., Schratter, G., Prassl, R., Goessler, W., Reidl, J., & Schild, S. (2015). Attività antibatterica delle nanoparticelle di argento e zinco contro Vibrio cholerae ed Escherichia coli enterotossico. https://doi.org/10.1016/j.ijmm.2014.11.005
  16. Ayatollahi Mousavi, S. A., Salari, S. e Hadizadeh, S. (2015). Valutazione dell'effetto antifungino delle nanoparticelle d'argento contro Microsporum canis, Trichophyton mentagrophytes e Microsporum gypseum. https://doi.org/10.15171/ijb.1302
  17. van Hasselt, P., Gashe, B. A. e Ahmad, J. (2004). L'argento colloidale come agente antimicrobico: realtà o finzione ?. https://doi.org/10.12968/jowc.2004.13.4.26606
  18. Williams, K., Milner, J., Boudreau, M. D., Gokulan, K., Cerniglia, C. E., & Khare, S. (2015). Effetti dell'esposizione subcronica di nanoparticelle d'argento sul microbiota intestinale e sulle risposte immunitarie associate all'intestino nell'ileo dei ratti Sprague-Dawley. https://doi.org/10.3109/17435390.2014.921346
  19. van den Brule, S., Ambroise, J., Lecloux, H., Levard, C., Soulas, R., De Temmerman, PJ, Palmai-Pallag, M., Marbaix, E., & Lison, D. ( 2016). Le nanoparticelle d'argento nella dieta possono disturbare il microbiota intestinale nei topi. https://doi.org/10.1186/s12989-016-0149-1
  20. Fröhlich, E. E. e Fröhlich, E. (2016). Citotossicità delle nanoparticelle contenute negli alimenti sulle cellule intestinali e sul microbiota intestinale. https://doi.org/10.3390/ijms17040509
  21. Wilding, L. A., Bassis, C. M., Walacavage, K., Hashway, S., Leroueil, P. R., Morishita, M., Maynard, A. D., Philbert, M. A., & Bergin, I. L. (2016). La somministrazione di dosi ripetute (28 giorni) di nanoparticelle d'argento di varie dimensioni e rivestimento non altera in modo significativo il microbioma intestinale murino indigeno. https://doi.org/10.3109/17435390.2015.1078854
  22. Graves, J. L., Jr, Tajkarimi, M., Cunningham, Q., Campbell, A., Nonga, H., Harrison, S. H. e Barrick, J. E. (2015). Rapida evoluzione della resistenza delle nanoparticelle d'argento in Escherichia coli. https://doi.org/10.3389/fgene.2015.00042
  23. Holler, J.S., Nordberg, G.F. e Fowler, B.A. (2007). Argento. https://doi.org/10.1016/B978-012369413-3/50094-X
  24. McGillicuddy, E., Murray, I., Kavanagh, S., Morrison, L., Fogarty, A., Cormican, M., Dockery, P., Prendergast, M., Rowan, N., & Morris, D. (2017). Nanoparticelle d'argento nell'ambiente: fonti, rilevamento ed ecotossicologia. https://doi.org/10.1016/j.scitotenv.2016.10.041