Sono un grande fan dei frutti di mare, quindi quando sento le tue preoccupazioni sul fatto che i frutti di mare siano sicuri da mangiare, voglio assolutamente parlarne! Una delle maggiori preoccupazioni riguardo ai frutti di mare è il bioaccumulo di metalli pesanti dall'inquinamento negli oceani.

Può essere fonte di confusione sapere quale pesce o frutti di mare è sicuro da servire, specialmente in un momento delicato come la gravidanza o l'allattamento.

Diamo un'occhiata ad alcune delle preoccupazioni, a ciò che dice la ricerca attuale e a come possiamo fare la scelta migliore per le nostre famiglie.

Inquinamento nel pesce e frutti di mare: è un problema?

I pesci possono contenere vari contaminanti a causa del loro ambiente. Questi contaminanti provengono da inquinanti agricoli e industriali.

Gli inquinanti organici persistenti, o POP, sono presenti in ogni oceano e in ogni tipo di pesce.

Per questo motivo, molte persone temono che mangiare pesce non sia più sicuro. Tuttavia, iniziamo con le buone notizie sui POP:

Studi recenti dimostrano che i livelli di inquinanti sono costantemente caduto negli ultimi 30 anni. Uno studio del 2016 in particolare (citato di seguito) i livelli dei sinistri sono diminuiti del 15-30% ogni decennio.

Il takeaway: il pesce medio ora contiene il 50% in meno di POP rispetto agli anni '80.

Se i nostri oceani sono inquinati, perché la tendenza al ribasso?

Dal 2001, 152 paesi hanno accettato di vietare o eliminare i 12 POP più comuni. Ciò significa che la riduzione potrebbe essere dovuta ai divieti sui POP. Potrebbe anche essere il risultato di cambiamenti dietetici nella vita marina mentre si adattano ai mutevoli ambienti.

I ricercatori si affrettano a dire che sono necessari altri 10 anni di studio prima di poter sapere se si tratta di una tendenza a lungo termine.

I metalli pesanti sono un argomento caldo, come spiego in questo post. Li incontriamo nel trucco, nel cibo, nei materiali da costruzione e altro ancora. Probabilmente hai sentito che i metalli pesanti possono accumularsi anche nei pesci.

Alcuni dei metalli pesanti più comuni that contaminare i frutti di mare siamo:

  • condurre
  • cadmio
  • arsenico
  • e mercurio

Per molte persone, la preoccupazione maggiore è il metilmercurio, che è costituito da mercurio inorganico che il nostro corpo non può processare.

Il mercurio inorganico proviene da rifiuti industriali, emissioni di ciminiere, vulcani e fabbriche alimentate a carbone. Gli organismi acquatici convertono questo mercurio inorganico in metilmercurio.

Secondo la Food and Drug Administration (FDA), il metilmercurio si trova in piccole concentrazioni in tutti i frutti di mare. Tuttavia, affermano anche che in molte specie di pesci i livelli sono sicuri per la maggior parte delle persone da mangiare.

Se vuoi saperne di più su come disintossicarti dai metalli pesanti, dai un'occhiata a questo podcast.

Il pesce è sicuro per le donne incinte e che allattano?

Se sei stata incinta, lo sai già … le donne incinte ricevono ogni tipo di consiglio (a volte indesiderato)! Un argomento caldo, ovviamente, è quale cibo dovrebbe mangiare una mamma in attesa.

Le future mamme sanno che gli alimenti di alta qualità e ricchi di sostanze nutritive sono essenziali per la salute del bambino. Molti mettono in guardia le donne incinte dal mangiare pesce. Tuttavia, i frutti di mare contengono molti di questi nutrienti necessari.

Solo uno di questi nutrienti sono gli acidi grassi omega-3, fondamentali per lo sviluppo del cervello. Una delle fonti migliori e più comuni di omega-3 a catena lunga è il pesce.

Puoi leggere uno dei miei post sull'importanza degli omega-3 per saperne di più, ma ecco alcune prove:

  • Uno studio del 2008 incoraggia le madri a mangiare più pesce per lo sviluppo neurale ottimale del bambino.
  • Nel 2014, la FDA e l'EPA hanno emesso una dichiarazione secondo cui le madri incinte / che allattano ei bambini piccoli dovrebbero mangiare 2-3 porzioni di pesce a settimana!

Continua a leggere per conoscere il pesce migliore e più sicuro da mangiare, che tu sia o meno una donna incinta.

I pesci hanno naturalmente mercurio dentro?

I pesci hanno naturalmente una piccola quantità di mercurio. Questo mercurio non proviene solo dall'inquinamento. Il mercurio entra nell'oceano anche da fonti naturali (vulcani e deflusso del suolo).

Mentre il metilmercurio è una preoccupazione, pochi pesci contengono livelli nocivi. Il mercurio diventa un problema quando i livelli aumentano a causa del bioaccumulo.

Cos'è il bioaccumulo?

Il bioaccumulo è il processo mediante il quale gli inquinanti si raccolgono in un organismo più velocemente di quanto possano essere escreti o metabolizzati ed è il risultato della catena alimentare. I pesci più grandi mangiano pesci più piccoli. Proprio come noi, il pesce è ciò che mangiano. I pesci assorbono i contaminanti dal loro cibo.

I pesci più piccoli hanno quantità minori di metalli pesanti. Questo cambia con ogni fase ascendente nella catena alimentare. I migliori mangiatori, come il marlin e il pesce spada, sono ricchi di metalli pesanti, in particolare metilmercurio.

I mammiferi marini sono molto ricchi di metilmercurio a causa del bioaccumulo. I mammiferi marini sono ancora usati come cibo in alcune parti del mondo. Studi sugli effetti del metilmercurio sono stati condotti in luoghi in cui i mammiferi marini erano un alimento base.

Il famoso studio nelle Isole Faroe ha mostrato effetti devastanti sui bambini le cui madri mangiavano frutti di mare ad alto contenuto di metilmercurio. Questo studio ha suggerito un avvertimento sul consumo di pesce, soprattutto per le donne incinte e che allattano.

Tuttavia, le acque intorno alle Isole Faroe erano fortemente contaminate. Inoltre, queste madri e bambini mangiavano carne di foca, squalo e balena, non pesce normale.

Pesci allevati in fattoria contro pesci selvatici

Il pesce pescato nell'oceano è un'ottima fonte di selenio. Il selenio si lega effettivamente al metilmercurio ed elimina il rischio per il nostro corpo.

Il pesce d'allevamento non contiene selenio. Le fattorie cercano di imitare la dieta naturale e l'ambiente dei pesci. Anche il miglior allevamento non può produrre pesce con le stesse sostanze nutritive del pesce pescato in natura.

Leggi di più sulle differenze tra il pesce allevato in fattoria e il pesce pescato in natura in questo post.

Tutti i pesci contengono mercurio, tuttavia molti ne contengono pochissimo. I pesci piccoli che si trovano più in basso nella catena alimentare sono i migliori perché non bioaccumulano POP e metilmercurio.

I pesci con una vita breve sono scelte migliori rispetto ai pesci più grandi e viventi più a lungo. Acciughe, aringhe e sarde sono ottime opzioni. Sono nutrienti e poveri di tutto ciò che potrebbe essere un potenziale problema di salute.

Ecco una guida all'acquisto del pesce popolare:

Buone scelte:

Questo elenco include pesci che hanno una vita più breve e sono più bassi nella catena alimentare. Entrambi riducono i livelli di mercurio e POP nei pesci. Come regola generale, opta sempre per la selvaggina invece che per l'allevamento e per quella domestica piuttosto che per l'importazione.

  • Sardine (le mie preferite)
  • Acciughe
  • aringa
  • Butterfish
  • Salmone selvatico del Pacifico o dell'Alaska
  • Trota
  • Merluzzo (il Pacifico è più sostenibile)
  • Salmerino alpino
  • Halibut (Pacifico)
  • Sgombro
  • Cozze (le compro in scatola e affumicate)
  • Ostriche
  • Calamaro
  • Sablefish
  • Pollock
  • Granchio reale dell'Alaska
  • Eglefino
  • Gamberetto
  • Pettine
  • aragosta

Pesce da evitare:

  • Pesce d'allevamento
  • Pesce importato, soprattutto dal sud-est asiatico
  • Tilefish
  • Re Mackerel
  • Tonno pinna blu
  • Pesce spada
  • Pesce gatto
  • Squalo
  • Spigola cilena (ad alto contenuto di mercurio e in via di estinzione)
  • Orange Roughy (alto bioaccumulo a causa della sua lunga vita e sovrasfruttato)
  • Anguilla
  • Granchio reale importato
  • Salmone atlantico
  • Salmone norvegese (l'allevamento eccessivo ha avuto un impatto negativo anche sui pesci selvatici in Norvegia)

Quello che faccio

Il pesce è una parte importante di ogni dieta. Ce ne sono alcuni che dovrebbero essere evitati. Tuttavia, la maggior parte dei pesci è sicura da mangiare. Capire cosa rende il pesce sicuro è il primo passo per scegliere bene.

Quando possibile, approvvigioniamo il nostro pesce attraverso il nostro mercato ittico locale utilizzando le linee guida di cui sopra. Tengo anche pesce e frutti di mare congelati e in scatola nel congelatore e nella dispensa per le notti impegnative. Queste aziende hanno standard di qualità elevati e consegneranno direttamente a casa tua:

  • Thrive Market – La mia opzione economica per i frutti di mare di qualità per la dispensa. Hanno la loro marca di sardine e tonno che batte tutto il resto che ho provato per qualità e gusto. Hai bisogno di un abbonamento per ordinare da Thrive Market, ma ho scoperto che ne vale la pena in ogni modo.
  • Scelta vitale: ascolta questo podcast del fondatore Randy Hartnell e capirai perché questa azienda è il mio punto di riferimento per i frutti di mare congelati. I loro standard per l'approvvigionamento sono incredibilmente alti (e puoi dirlo da come ha un sapore!).

Per ulteriore assistenza in movimento, consiglio il App Seafood Watch pubblicato da Monterey Bay Aquarium.

Chissà … ora che conosci i benefici del pesce, forse preparerai una delle mie ricette di pesce. Lascia "minnow" se ti piace!

Questo articolo è stato rivisto dal punto di vista medico da Madiha Saeed, MD, un medico di famiglia certificato dal consiglio. Come sempre, questo non è un consiglio medico personale e ti consigliamo di parlare con il tuo medico.

Considera il livello del metallo quando scegli i tuoi frutti di mare? Qual è la tua ricetta di pesce preferita usata a casa?

Fonti:

  1. American Heart Association. (2018, 1 marzo). Come posso mangiare cibi più nutrienti? Recuperato da https://www.heart.org/en/healthy-living/healthy-eating/eat-smart/nutrition-basics/how-can-i-eat-more-nutrient-dense-foods
  2. Bonito, L., Hamdoun, A., & Standin, S. (2016, 4 febbraio). Uno studio ha rilevato inquinanti tossici nei pesci negli oceani del mondo. Recuperato da https://scripps.ucsd.edu/news/study-finds-toxic-pollutants-fish-across-worlds-oceans
  3. Bosch, A. C., O’Neill, B., Sigge, G. O., Kerwath, S. E., & Hoffman, L. C. (2016, 15 gennaio). Metalli pesanti nella carne di pesce marino e salute dei consumatori: una revisione. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26238481
  4. Centro per la sicurezza alimentare e la nutrizione applicata. (n.d.). Domande e risposte dal consiglio della FDA / EPA sul consumo di pesce. Recuperato da https://www.fda.gov/food/consumers/questions-answers-fdaepa-advice-about-eating-fish-women-who-are-or-might-become-pregnant#V
  5. Centro per la sicurezza alimentare e la nutrizione applicata. (2017, gennaio). Mangiare pesce: cosa dovrebbero sapere donne incinte e genitori. Recuperato da https://www.fda.gov/Food/ResourcesForYou/Consumers/ucm393070.htm
  6. Dórea, J. G. (2009). Rischi di esposizione al mercurio legati al consumo di pesce durante la gestazione: oltre il mare. Tossicologia riproduttiva, 28 (1), 113-114. doi: 10.1016 / j.reprotox.2009.03.008 Estratto da https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0890623809000653?via%3Dihub
  7. Innis, S. M. (2008). Acidi grassi omega 3 dietetici e cervello in via di sviluppo. Brain Research, 1237, 35-43. doi: 10.1016 / j.brainres.2008.08.078 Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18789910
  8. Nichols, P. D., Petrie, J., & Singh, S. (2010, 26 maggio). Oli omega-3 a catena lunga: un aggiornamento sulle fonti sostenibili. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3257669/
  9. Università delle Nazioni Unite. (2012, 23 febbraio). Inquinanti organici persistenti nella catena alimentare marina. Recuperato da https://unu.edu/publications/articles/persistent-organic-pollutants-in-the-marine-food-chain.html
  10. Istituto nazionale di standard e tecnologia. (2018, 27 agosto). Molti inquinanti artici diminuiscono dopo la rimozione e la regolamentazione del mercato. Recuperato da https://www.sciencedaily.com/releases/2018/08/180827180752.htm
  11. Weihe, P. e Joensen, H. D. (2012). Raccomandazioni dietetiche riguardanti la carne di globicefalo e il grasso nelle Isole Faroe. International Journal of Circumpolar Health, 71 (1), 18594. doi: 10.3402 / ijch.v71i0.18594 Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3417701/
  12. Willcox, D. C., Scapagnini, G., & Willcox, B. J. (2014, 21 gennaio). Diete salutari per invecchiamento diverse dal Mediterraneo: un focus sulla dieta di Okinawa. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24462788
  13. Yousafzai, A. M., Ullah, F., Bari, F., Raziq, S., Riaz, M., Khan, K.,. . . Ahmad, H. (2017). Bioaccumulo di alcuni metalli pesanti: analisi e confronto tra Cyprinus carpio e Labeo rohita di Sardaryab, Khyber Pakhtunkhwa. BioMed Research International, 2017, 1-5. doi: 10.1155 / 2017/5801432 Estratto da https://www.hindawi.com/journals/bmri/2017/5801432/